rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
Attualità Camposampiero

Efficientamento delle scuole in 10 Comuni dell'Alta grazie ai fondi europei: il piano

La Federazione dei Comuni del Camposampierese è una dei 48 assegnatari a livello europeo e tra i soli 7 beneficiari italiani (su 129 candidature a livello europeo) ad aver ottenuto il contributo di 60mila euro a fondo perduto

La Federazione dei Comuni del Camposampierese è una dei 48 assegnatari a livello europeo e tra i soli 7 beneficiari italiani (su 129 candidature a livello europeo) ad aver ottenuto il contributo di 60mila euro a fondo perduto per dare vita al progetto "NZEB GENERATION: smart, safe and sustainable buildings for future education" a valere sul bando European City Facility (EUCF).

Concept di investimento

Un risultato eccezionale, grazie al quale la Federazione, attraverso il suo Ufficio Europa, avrà il compito di mettere a punto un "concept di investimento", un vero e proprio business plan, focalizzato sull’efficientamento energetico degli edifici scolastici pubblici e delle palestre scolastiche di tutti e dieci i Comuni della Federazione a cui si aggiungerà anche uno studio sulla possibile creazione di "comunità energetiche" coinvolgendo i quartieri limitrofi. Il nome del progetto “NZEB GENERATION” non è casuale: l’obiettivo è proprio quello di favorire un processo, nel territorio federale, che porti a potenziare la presenza di edifici pubblici “Nearly Zero Energy Building”, ovvero ad elevata efficienza energetica. Spiegano infatti i tecnici dell’Ufficio Europa: «La ventina tra scuole e palestre preliminarmente individuate quali oggetto degli interventi di efficientamento energetico nell’ambito dei dieci i Comuni della Federazione rappresentano degli spazi importanti dove realizzare sostenibilità e migliorare il benessere delle generazioni future. Parliamo di edifici con classi di efficienza energetica non adeguati, scarso comfort e sicurezza e un impatto economico negativo nella loro gestione Il progetto permetterà di definire delle soluzioni tecnologiche utili per la loro riqualificazione energetica e il miglioramento della sicurezza così da ridurre il consumo di energia (e le emissioni di gas climalteranti), migliorare il comfort e la sicurezza e utilizzare tecnologie innovative per puntare ad avere edifici NZEB (quasi energia zero) andando proprio nella direzione del programma europeo REPowerEU evitando l'uso di gas e contribuendo alla transizione verde».

Interventi

Nei prossimi mesi esperti esterni si occuperanno della ricognizione puntuale degli edifici attraverso degli audit energetici, la scelta delle migliori soluzioni tecnologiche, gli studi di fattibilità tecnico economica e la definizione degli EPC, i soggetti, cioè, che si occuperanno di progettazione (Engineering), approvvigionamento (Procurement) e costruzione (Construction). Si sottolinea che la sovvenzione di 60mila euro non finanzia direttamente gli investimenti effettivi, ma copre i costi per mobilitare le risorse e accedere ai servizi per sviluppare un concetto di investimento che si tradurrà in misure teccnologiche specifiche, che vanno da un migliore isolamento di pareti e tetti, doppi vetri, agli innovativi sistemi di ventilazione forzata (HVAC), al rinnovo degli impianti termici, all’installazione di sistemi di illuminazione efficienti, alle pompe di calore e all’installazione di impianti fotovoltaici per ottenere edifici privi di gas e che utilizzano principalmente la produzione di  elettricità dal fotovoltaico.

Federazione del Camposampierese

«A poco più di un anno e mezzo dall’attivazione dell’Ufficio Europa, che ricordo essere l’unico in Veneto a livello intercomunale, i risultati continuano ad arrivare - osserva il presidente della Federazione dei Comuni del Camposampierese, Antonella Argenti - Il giovane team si sta dimostrando strumento prezioso per tutto il territorio della Federazione, che attraverso l’Ufficio Europa sta intercettando risorse fondamentali per lo sviluppo del territorio secondo i modelli e gli obiettivi promossi dall’Unione Europei. Nello specifico, il progetto “NZEB GENERATION” contribuirà a migliorare il rendimento energetico e a conseguire risparmi energetici nei dieci Comuni. Gli investimenti al momento stimati sono di circa 18.387.072 euro e permetteranno non solo di ridurre notevolmente i consumi di almeno7 GWh/anno), ma anche di aumentare la produzione di energia rinnovabile (1 GWh/anno) ed evitare 1.975 tonnellate di emissioni di anidride carbonica. A questo si aggiungono altri benefici come quello di poterci emancipare dall’uso del gas, quello di garantire ai nostri cittadini maggiore sicurezza e migliore qualità della vita ma anche quello, non meno importante, di rafforzare l'occupazione locale trasferendo le conoscenze tecniche e le opportunità di finanziamento e incentivazione ai Comuni coinvolgendo anche gli attori locali per realizzare gli investimenti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Efficientamento delle scuole in 10 Comuni dell'Alta grazie ai fondi europei: il piano

PadovaOggi è in caricamento