«Intervenite sulle rette per aiutare le famiglie»: la richiesta di Assonidi a 12 Comuni padovani

«Le nostre strutture al termine di questo periodo sospeso di crisi, rischiano di non riaprire più, disperdendo un enorme patrimonio di esperienze pedagogiche e di relazioni umane con famiglie e bambini»

A livello nazionale gli asili nido aderenti ad Assonidi Confcommercio si sono rivolti direttamente al Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. A livello locale hanno invece pensato di coinvolgere i comuni veneti dove operano, dodici dei quali (Padova, Limena, Noventa Padovana, Montegrotto Terme, Albignasego, Selvazzano Dentro, Este, Villafranca Padovana, Conselve, San Martino di Lupari, Borgoricco e Rubano) sono in provincia di Padova.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Difficoltà

Nell’uno e nell’altro caso hanno sottolineato l’estrema difficoltà di un settore composto prevalentemente da micro e piccole imprese di servizi all’infanzia 0-6 anni che sta vivendo uno dei momenti più critici della sua storia. Spiega Elisabetta Rampazzo, presidente di Assonidi Ascom Confcommercio: «Le nostre strutture al termine di questo periodo sospeso di crisi, rischiano di non riaprire più, disperdendo un enorme patrimonio di esperienze pedagogiche e di relazioni umane con famiglie e bambini». Da qui una serie di richieste, sia di ordine generale (esonero imposte e canoni di locazione, soprattutto) sia di carattere locale: «Ai comuni - continua Rampazzo - chiediamo di intervenire in favore delle famiglie per le rette degli asili privati autorizzati ed accreditati che sono parificati a quelli pubblici; che quest’aiuto venga erogato non solo alle famiglie residenti che portano i figli nei nidi del comune, ma anche a quelle famiglie residenti che ne hanno altrettanto bisogno ma che per necessità lavorative o familiari sono costrette a portare il figlio in un nido fuori dal comune ed infine chiediamo che i nidi accreditati del comune vengano parificati in tutto e per tutto a quelli pubblici o Fism ovvero, come successo per esempio nel comune di Padova, che anche loro vengano inseriti nella convenzione comunale, ove esistesse».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: primo caso di alunno positivo nel Padovano, classe e docenti in isolamento

  • «Dov’è la felicità? È molto lontana, è vicino a Padova», il meme diventa virale

  • Tragedia nella Bassa: bimba di un anno e mezzo muore investita dal nonno

  • Frontale tra una Punto e un furgoncino: 17enne padovana perde la vita

  • Crisanti smentisce Zaia: «Il modello Veneto è merito dell'Università di Padova»

  • Live - Subito una classe isolata, tamponi a tappeto e didattica a distanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento