Attualità

11mila indumenti intimi per i pazienti Covid-19: l'iniziativa di Calzedonia e Intesa Sanpaolo

Verranno distribuiti anche all'ospedale di Padova per i pazienti ricoverati che non ricevono il ricambio necessario dalle famiglie a causa della quarantena

Undicimila indumenti intimi sono in consegna da parte di Intesa Sanpaolo in collaborazione con il Gruppo Calzedonia e alcuni ospedali del Veneto e della Lombardia per essere distribuiti urgentemente e a titolo gratuito a pazienti Covid-19 ricoverati che non ricevono il ricambio necessario dalle famiglie ferme a causa della quarantena.

L'iniziativa

Parte dei capi è stata acquistata da Intesa Sanpaolo, parte è donata dal Gruppo Calzedonia. Gli ospedali interessati sono: Azienda Ospedaliera - Università di Padova, Papa Giovanni XXIII di Bergamo, Spedali Civili di Brescia, Ospedale di Cremona, di Oglio Po e Nuovo Robbiani di Soresina in provincia di Cremona. Intesa Sanpaolo ha così deciso di orientare verso i pazienti Coronavirus il suo progetto “Golden Links, i legami sono oro” nato due anni fa per contrastare la necessità di indumenti intimi da parte di persone e famiglie indigenti attraverso il coinvolgimento di aziende clienti della Banca. Il progetto, svolto in collaborazione con Caritas Italiana e S-Nodi, realizza il coordinamento di aziende e organizzazioni non profit per rispondere ad un’esigenza spesso sottaciuta che tocca profondamente la dignità umana. In due anni ha permesso la distribuzione di 113 mila indumenti e l’attività proseguirà quest’anno.

100 milioni di euro

L’emergenza Covid-19 vede il Gruppo Intesa Sanpaolo tra i principali contributori nel contrasto alla pandemia e nel sostegno a persone, imprese e territori. La Banca ha donato 100 milioni di euro per la sanità italiana attraverso la Protezione Civile, un milione per la ricerca sul Covid-19 da parte del Fondo di Beneficenza, effettua ulteriori donazioni per progetti puntali e promuove diverse raccolte fondi sulla sia piattaforma forfunding.it. Alle iniziative benefiche si aggiungono le imponenti risorse creditizie messe a disposizione di imprese e famiglie e la moratoria su prestiti e finanziamenti. Dichiara Renzo Simonato, direttore regionale di Intesa Sanpaolo per Veneto, Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia: «Questa iniziativa è un ulteriore segnale di vicinanza concreta di Intesa Sanpaolo ai territori in cui opera, mettendo in campo misure straordinarie grazie alle dimensioni e alla solidità della nostra banca. Siamo una Banca fortemente radicata nel Veneto e come tale sentiamo la responsabilità di dare un sostegno concreto alle realtà qui presenti come l’Azienda Ospedaliera - Università di Padova impegnata in prima linea nella lotta contro il Coronavirus. Abbiamo anche messo a disposizione dell’Ulss 9 Scaligera fondi per l’approvvigionamento di mascherine chirurgiche, FP2, FP3 e di camici idrorepellenti per consentire l'operatività in sicurezza dei medici e infermieri».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

11mila indumenti intimi per i pazienti Covid-19: l'iniziativa di Calzedonia e Intesa Sanpaolo

PadovaOggi è in caricamento