Nuove modalità di accesso al Centro Prelievi, ma non solo: la "Fase 2" dell'Ospedale di Padova

Da lunedì 4 maggio l'accesso al Centro Prelievi sarà possibile solo con prenotazione, ma non è l'unica novità organizzativa in vigore all'Azienda Ospedaliera di Padova. Flor: «Non vi chiediamo pazienza, bensì responsabilità»

La pandemia da SARS-CoV-2 (Covid-19) costringe ad adottare comportamenti e procedure di contenimento della diffusione e del possibile contagio del virus.

Centro Prelievi

Il Centro Prelievi dell’Azienda Ospedale-Università di Padova (San Massimo e Ospedale Sant’Antonio) diretto dal Prof. Mario Plebani ha da tempo adottato misure per assicurare il distanziamento fisico, la disinfezione delle mani ed ha introdotto un Triage prima dell’ingresso mediante la rilevazione della temperatura corporea e raccolta di alcune informazioni per rilevare una eventuale sintomatologia sospetta. Per garantire ulteriormente la sicurezza per tutti gli utenti, l’accesso al Centro Prelievi dal 4 maggio 2020 sarà possibile solo con prenotazione per limitare la sosta nei locali e ridurre al minimo il tempo totale per prelievo di sangue o per consegna di materiale biologico (urine, feci, saliva). La prenotazione per l’accettazione allo sportello è attiva presso il Centro Prelievi San Massimo e quello del Sant’Antonio utilizzando il Sistema Lucky oppure inviando un SMS al numero 366 6802101 con il messaggio: “Prelievo domani San Massimo” oppure “Prelievo domani Sant’Antonio” per prenotare per il giorno successivo. Lucky invierà il codice turno, identificato dalla lettera U (per esempio U25) e l’ora dell’appuntamento. Dieci minuti prima dell’appuntamento, Lucky invierà un SMS come promemoria.

Modalità

Presso San Massimo è possibile l’accesso diretto al prelievo, senza presentarsi allo sportello se in possesso di impegnativa dematerializzata (la prenotazione non è infatti effettuabile con le ricette rosse) con queste modalità:

  • collegandosi al sito www.aopd.veneto.it,
  • selezionando nel menu a tendina del Servizio on-line “Lucky - prenota il tuo turno”
  • “Lucky prendi il tuo biglietto sul web”;
  • scegliendo la sede” Laboratorio Analisi di via San Massimo 10”;
  • scegliendo la modalità “Prenotazione Prelievo (con ricetta elettronica)”.

Per eseguire la prenotazione serviranno i seguenti dati:

  • il numero della ricetta elettronica
  • il codice fiscale della persona che deve fare il prelievo
  • il numero del cellulare
  • un indirizzo e-mail

Per facilitare gli utenti tutti i passaggi nel sistema informatico sono correlati da figure esemplificative e da istruzioni che rendono semplice la procedura. Al numero di cellulare indicato, verrà inviata all’utente un codice di attivazione via SMS da inserire obbligatoriamente per continuare e concludere la prenotazione. Il promemoria dei dati della prenotazione (giorno, ora e codice di accesso e i numeri di impegnative inserite) verrà inviato con SMS ma potrà anche essere stampato alla conclusione della prenotazione. A conferma dell’avvenuta prenotazione, all’indirizzo e-mail, verrà inviato successivamente il foglio necessario per il ritiro del referto da presentare in ambulatorio, anche memorizzato su smartphone, al momento del prelievo. La modalità informatica richiede poche avvertenze: inserire sempre un numero di cellulare valido, e tutte le impegnative che devono essere esclusivamente quelle elettroniche dematerializzate. Per ogni informazione è attivo un servizio telefonico per gli utenti, al numero 049-8212784, dal lunedì al venerdì dalle 11 alle 13 e dalle 15.30 alle 17 e al sabato dalle 10.30 alle 12. Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito www.medlabpd.it.

«Non vi chiediamo pazienza, bensì responsabilità»

Luciano Flor, direttore generale dell'Azienda Ospedaliera di Padova, ha colto l'occasione per un'ulteriore puntualizzazione sulle linee di indirizzo per la ripresa in sicurezza delle attività: «Anche questa settimana abbiamo avuto dei miglioramenti: sono calati i numeri dei ricoveri e dei pazienti in rianimazione. Stiamo gradualmente riorganizzando l'ospedale e lo stiamo facendo con grande rigore, per assicurarci che ci dovrà venire all'ospedale sia in un posto sicuro. Non si potrà entrare in ospedale senza mascherina e senza essersi misurata la febbre, e a tutti i pazienti che entreranno in ospedale per il ricovero sarà fatto il tampone. Faremo delle iniziative per agevolare i malati. Metteremo regole molto precise e saremo rigorosi, perché la tanto auspicata apertura non è possibile farla se non si rispettano le regole. Finora abbiamo fatto quasi l'impossibile per garantire sicurezza a tutti e abbiamo avuto buoni risultati sia nella cura dei malati di Coronavirus che degli altri malati. Non vi chiediamo pazienza, vi chiediamo responsabilità: voi osservate le regole e noi faremo tutto il possibile per garantire la sicurezza».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Daniele Donato

Chiude il gir di interventi Daniele Donato, direttore sanitario dell'Azienda Ospedaliera di Padova: «A oggi abbiamo 1.176 pazienti ricoverati tra coronavirus e non-Coronavirus, e negli ultimi dieci giorni sono stati garantiti otto trapianti di rene, uno di cuore e sei di fegato. Siamo arrivati a quota 126.756 tamponi di cui 23.116 ai dipendenti. I positivi ai tamponi sono 4.919. Cambieremo le vie di accesso all'Azienda Ospedaliera: da 11 le abbiamo ridotte a 5, per dare maggiore sicurezza. Abbiamo posto particolare attenzione all'estensione delle visite ambulatoriali anche al sabato e alla domenica. Dalle 17.00-1.800 attuali arriveremo a 3.500 prestazioni circa ma sempre meno delle 4.500 a massimo regime come eravamo abituati prima dell'emergenza Coronavirus. Effettueremo il tampone anche ai genitori che accompagnano i figli in Pediatria. Ultimo consiglio: usate le mascherine ovunque, perché sono fondamentali»

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Questa cosa non dura due settimane, abbiamo un progetto che arriva a maggio 2021»

  • Caccia senza licenza e in giorno di silenzio venatorio: denunciato 71enne

  • Live - Nuovo Dpcm in arrivo nel weekend: si va verso il coprifuoco

  • Coronavirus, il prof. Ursini difende Andrea Crisanti: «Parole sgradevoli dal professor Palù»

  • Coronavirus, Crisanti: «Siamo in un mare in tempesta. Secondo lockdown? Sarebbe inutile»

  • Coronavirus, Zaia: «Ho l'impressione che questo Dpcm sia solo un "riscaldamento a bordo campo"»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento