Covid-19, ictus e perdita della capacità di scrivere: la correlazione nell'importante studio Unipd

Secondo lo studio del professor Konstantinos Priftis il Covid può manifestarsi non solo tramite segni respiratori o sintomi mentali generalizzati, ma anche con segni neuropsicologici altamente specifici come l’agrafia e l’afasia di conduzione

I dati Oms al 28 settembre (Fonte: Health Emergency Dashboard) indicano in 32.968.853 i casi confermati di Coronavirus nel mondo dall'inizio della pandemia con un tragico bilancio di 995.836 morti. I sintomi sono ormai noti, ma esiste anche un coinvolgimento della sfera mentale e comportamentale: in letteratura si sono infatti riportati casi di pazienti affetti da confusione, agitazione e segni psicotici. Ad oggi, però, non sono state pubblicate descrizioni dettagliate di pazienti colpiti da Covid-19 e affetti da difficoltà cognitive specifiche (ad es. disturbi del linguaggio orale/scritto, delle componenti distinte della memoria, delle funzioni motorie superiori, delle abilità matematiche, ecc.). Almeno finora.

Lo studio pubblicato

Nello studio realizzato dal professor Konstantinos Priftis del Dipartimento di Psicologia Generale dell'Università di Padova in collaborazione con le psicologhe dott.ssa Lorella Algeri e Dott.ssa Simonetta Spada e la fisiatra dott.ssa Stella Villella dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo (pubblicato sulla rivista "Neurological Sciences" del gruppo editoriale Springer Nature con il titolo "COVID-19 presenting with agraphia and conduction aphasia in a patient with left-hemisphere ischemic stroke") è stato indagato per la prima volta un paziente in cui il Covid-19 si è manifestato oltre che con lievi evidenze respiratorie anche con sintomi mentali generalizzati, in seguito regrediti, e con segni neuropsicologici altamente specifici. La pubblicazione del gruppo del professor Priftis ha analizzato il percorso clinico del paziente dal punto di vista neuropsicologico descrivendo le difficoltà cognitive specifiche riscontrate. La ricerca pone in evidenza come, oltre alla necessità di curare le conseguenze dei danni respiratori e cerebrali, una delle frontiere future che il sistema sanitario dovrà fronteggiare sarà quella di valutare un paziente Covid-19 anche dal punto di vista neuropsicologico come indizio sentinella di affezione da virus e avviare una sistematica riabilitazione cognitiva.

Konstantinos Priftis-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il caso studiato

Afferma il professor Priftis: «Abbiamo studiato un paziente in cui il Covid-19 ha causato un ictus localizzato nell’emisfero cerebrale sinistro. Dopo alcuni giorni di febbre l’uomo, ormai sfebbrato, era stato ricoverato non tanto per complicazioni polmonari, ma per difficoltà linguistiche e agitazione comportamentale. A tutti gli effetti, da un punto di vista clinico, non sarebbe stato un paziente Covid-19. I routinari test sierologici di protocollo adottati per il ricovero hanno svelato la presenza di anticorpi per il SARS-COV-2 mentre la risonanza magnetica ha rivelato la presenza di embolie multiple nell’emisfero cerebrale sinistro. Ed è qui che, rispetto alla prassi clinica seguita per i ricoverati, abbiamo sottoposto il paziente anche a un esame neuropsicologico molto approfondito. Dopo i test abbiano notato come il paziente fosse incapace di scrivere (agrafia) e di come si sia manifestata, in maniera più lieve, un’afasia di conduzione cioè l’incapacità di ripetere le parole udite, mentre il resto delle funzioni mentali era rimasto intatto». Lo studio mette in luce, per la prima volta, come il SARS-COV-2 può manifestarsi non solo tramite segni respiratori o sintomi mentali generalizzati, ma anche con segni neuropsicologici altamente specifici (agrafia, afasia di conduzione, ecc.). «Questo caso - aggiunge il professor Priftis - è importante perché è una sorta di “sentinella” di situazioni simili che potrebbero sottrarsi alla casistica dei pazienti Covid-19 una volta passata l’emergenza. Ecco perché diventa molto importante inserire un’attenta valutazione neuropsicologica tra i test diagnostici delle conseguenze del SARS-COV-2. Alcuni pazienti, come il nostro, sono arrivati all’osservazione clinica a causa dei loro segni neuropsicologici e non per i classici segni respiratori. Non solo, una volta venuti alla luce questi casi, oltre la valutazione neuropsicologica, molti di questi pazienti dovranno essere seguiti per una loro sistematica riabilitazione cognitiva. Questa circostanza costituisce una nuova sfida, non solo clinica ma anche finanziaria, da affrontare immediatamente nell’ambito delle conseguenze cerebrali del SARS-COV-2».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto tornando a casa, diciottenne Padovano perde la vita

  • Coronavirus, Zaia: «Stiamo iniziando a entrare nel vivo della battaglia»

  • Il miglior panettone del mondo si trova alla pasticceria Estense: Francesco Luni vince l’oro assoluto

  • «Non ho la mascherina perché non riconosco la legge italiana»: scatta la multa di 400 euro

  • Crisanti lascia Padova e va allo Spallanzani

  • BEƎ: sui colli Euganei una struttura mobile per vivere esperienze uniche

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento