Lunedì, 21 Giugno 2021
Attualità

Coronavirus, l’immunologa: «Per gli uomini sintomatologie più gravi rispetto alle donne»

Coronavirus, intervista ad Antonella Viola, immunologa e docente ordinaria di Patologie generali presso il Dipartimento di Scienze biomediche dell’Università degli studi di Padova

Quanto durerà? Qual è la popolazione o l'area geografica più “resistente” al Coronavirus dal punto di vista immunitario? Bisogna preoccuparsi o si risolverà tutto molto presto? Le condizioni meteo incidono sulla diffusione del virus? Sono alcuni tra i più comuni dubbi che si fanno strada nei giorni di quarantena collettiva. Ne abbiamo parlato con Antonella Viola, immunologa e docente ordinaria di Patologie generali presso il Dipartimento di Scienze biomediche dell’Università degli studi di Padova, dove svolge attività di ricerca presso l’Istituto  pediatrico “Città della speranza”. Ciò che emerge, purtroppo, è un concetto: incognita. E l’unico punto fermo sembra essere l’attesa. Naturalmente in casa.

Professoressa Viola, immunologi, epidemiologi e virologi sono ormai considerati alla stregua di star, attese puntualmente ogni giorno in tv. Ma perché delle interlocuzioni, costruttive e lungimiranti tra scienza e politica, non sono state avviate anche prima?

“È un annoso problema nel nostro Paese: la cultura, soprattutto quella scientifica, non è una priorità, non se ne riconosce il valore per la società. Invece, come vediamo oggi, il suo valore è enorme. Non si può dimenticare di finanziare la ricerca biomedica di base (pensiamo a quanto siano scarse le risorse per la virologia) quando poi in emergenza si vorrebbe che fossimo subito pronti con una cura. Ma le conseguenze di questo distacco dalla scienza le vediamo anche nella mancanza di comportamenti corretti da parte delle persone, che non capiscono la gravità della situazione per mancanza di cultura scientifica”.

CONTINUA A LEGGERE A QUESTO LINK

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, l’immunologa: «Per gli uomini sintomatologie più gravi rispetto alle donne»

PadovaOggi è in caricamento