Alla scoperta dell'azienda di Borgoricco che produce macchinari igienizzanti per tutto il mondo

«Attualmente le nostre tecnologie per la disinfezione personale sono applicate all'ingresso di ospedali in Algeria e Marocco, dove operano anche i "cannoni sparanebbia" per igienizzare parchi pubblici, viali, strade utilizzati in Cina, Corea ed Emirati Arabi Uniti. E saremo al lavoro anche a Pasquetta»

Un canno sparanebbia utilizzato in Algeria

È una fucina di soluzioni anti-Coronavirus ed altri patogeni l’azienda Idrobase di Borgoricco: sommersa di richieste da tutto il mondo, la fabbrica padovana lavorerà anche il giorno di Pasquetta.

Dall'Algeria alla Cina

Commenta Bruno Ferrarese, co-presidente di Idrobase: «Non è solo una questione di business; avvertiamo una grande responsabilità verso i tanti, che si rivolgono a noi per cercare di contrastare l’avanzare del Covid-19, evitando il tracollo sociale. Attualmente le nostre tecnologie per la disinfezione personale sono applicate all’ingresso di ospedali in Algeria e Marocco, dove operano anche i “cannoni sparanebbia” per igienizzare parchi pubblici, viali, strade anche di Emirati Arabi Uniti, Corea e Cina, dove prosegue ininterrotta l’attività della “Allforclean”, azienda di proprietà della Idrobase e sanificata con gli innovativi macchinari Bkm, ideati a Borgoricco. Attualmente tale produzione è però fortemente rallentata perché, dopo il boom iniziale, è diventato via via più difficile, a causa della crescente emergenza sanitaria anche oltreoceano, ricevere dagli Stati Uniti i catalizzatori, che sono il cuore della nuova tecnologia Ahmpp, da noi adottata. Per altro, abbiamo la soddisfazione che molte aziende italiane e straniere stanno producendo portali di sanificazione individuale, acquistando i nostri sistemi di nebulizzazione, made in Italy».

Portali sanificazione persone ospedali Algeria-2

Obiettivi

L’inventiva produttiva nell’headquarter industriale della lotta al coronavirus non conosce però sosta; così, dopo i sistemi per la disinfezione delle merci in transito negli stabilimenti e la disinfezione di automezzi come autobus ed ambulanze, ecco gli atomizzatori, che micronizzano particelle d’acqua, mescolate con l’aria ed appositi disinfettanti, capaci di abbattere i virus presenti negli ambienti. «L’emergenza coronavirus sta cambiando, anche in Italia, la percezione dell’igiene negli ambienti socializzanti, come quelli di lavoro. Noi siamo un’azienda medio-piccola con una cinquantina di dipendenti, ma essendo partiti per primi, avvertiamo una grande responsabilità. Ci resta il cruccio di essere una realtà imprenditoriale vocata perlopiù all’export, perché in Italia permane un’ingiustificata diffidenza verso soluzioni innovative, frutto della ricerca, come quelle da noi applicate. Comunque, non ci rassegniamo ed il giorno di Pasquetta saremo in azienda a continuare la nostra battaglia. Il prossimo obiettivo? Sanificare automaticamente i carrelli della spesa»

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Ricoveri in ospedale, tutte le province venete in Fase 5 tranne Padova»

  • Femminicidio nella notte a Cadoneghe: uomo uccide la moglie a coltellate

  • Strade insanguinate: perde il controllo dell'auto sui Colli, muore noto barista di 31 anni

  • Tragedia nel pomeriggio: auto esce di strada, morto un 19enne e grave un coetaneo

  • Zaia: «Ecco la nuova ordinanza. Ridotta capienza nei negozi e nei centri commerciali»

  • Il Covid si porta via a 67 anni lo storico pasticcere di Mestrino. Morto anche un giovane professore

Torna su
PadovaOggi è in caricamento