Emergenza Covid: mascherine di stoffa per ogni cittadino del comune di Albignasego

E' iniziata nella giornata di mercoledì la distribuzione di una nuova fornitura di mascherine: sono in stoffa, riutilizzabili e di misure diverse, anche per bambini

Le mascherine sono dispositivi che si è chiamati ad utilizzare ogni qualvolta si esce di casa: un accessorio ormai di uso quotidiano, diventato indispensabile. Per evitare l’utilizzo di dispositivi usa e getta, costosi e inquinanti se abbandonati nell’ambiente, il comune di Albignasego ha pensato di mettere a disposizione di tutti i cittadini delle mascherine in stoffa, sanificabili tramite lavaggio a 90 gradi e pertanto riutilizzabili più volte.

Ritiri scaglionati

«Le mascherine ci sono state fornite da tre aziende di Albignasego, che le hanno realizzate in tessuto» precisa il sindaco Filippo Giacinti «di diverse misure, adatte quindi ad essere indossate anche dai bambini». Grazie a una preziosa rete di volontari da mercoledì sono stati allestiti quattro punti di distribuzione in altrettanti edifici pubblici dislocati nel territorio di Albignasego (il municipio di via Milano e la sede decentrata di Sant’Agostino, la sede della Protezione civile e quella della Polizia locale), ai quali le persone accedono a ritirare le mascherine, dopo aver preso appuntamento telefonico chiamando in municipio oppure on line, attraverso il portale comunale. Gli appuntamenti scaglionati garantiscono la rapidità nel ritiro ed evitano il formarsi di code e assembramenti: oggi, primo giorno di distribuzione, le operazioni si sono svolte tutte regolarmente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Borraccia in alluminio

«Ad ogni famiglia viene consegnata una mascherina per ogni componente che abbia più di due anni di età, bambini compresi dunque» precisa il sindaco Giacinti, «Ricordando che non sono presidi medico-chirurgici, ma sono barriere utili per evitare che le proprie gocce di saliva raggiungano le altre persone. Invitiamo quindi tutti a venirle a ritirare e al rispetto delle regole, confidando nel senso di responsabilità che, in questo momento di ripresa, non può mancare». Ai bambini e ai ragazzi sarà dedicata un’iniziativa ulteriore: in occasione della consegna delle mascherine, sarà distribuita ad ogni studente della scuola media una borraccia di alluminio, che l’amministrazione comunale aveva acquistato nell’ambito dell’iniziativa “Scuola libera dalla plastica” e che avrebbe dovuto essere consegnata nel mese di Aprile, in occasione della Festa dell’acqua. Le borracce per gli alunni della scuola primaria, invece, saranno consegnate da Acquevenete nel corso del prossimo anno scolastico. «I bambini più piccoli» conclude il sindaco, «che si sono impegnati assieme ai loro genitori in queste settimane difficili, riceveranno un libretto e un piccolo pensiero, dono dell’associazione di commercianti Vivà e della Pro loco».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto tornando a casa, diciottenne Padovano perde la vita

  • Caccia senza licenza e in giorno di silenzio venatorio: denunciato 71enne

  • Live - Nuovo Dpcm in arrivo nel weekend: si va verso il coprifuoco

  • Coronavirus, Crisanti: «Siamo in un mare in tempesta. Secondo lockdown? Sarebbe inutile»

  • A piedi lungo la tangenziale, giovane viene investito all'alba: è grave

  • «Non ho la mascherina perché non riconosco la legge italiana»: scatta la multa di 400 euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento