Quattro chef all'opera alle Cucine Popolari: le immagini dello speciale pranzo di Pasqua

Domenica 12 aprile quattro importanti ristoratori padovani hanno cucinato nelle Cucine Popolari di Padova per 250 persone in difficoltà: presenti anche il sindaco Sergio Giordani, l'assessore Antonio Bressa e il Vescovo Claudio Cipolla

L'assessore Bressa con gli chef alle Cucine Popolari

2.000 pasti per una vera e propria staffetta di solidarietà lunga tre giorni. Con tanto di "main event" odierno: al grido di "Padova Non Si Ferma" quattro chef nostrani hanno preparato il pranzo di Pasqua per 250 persone alle Cucine Popolari di via Tommaseo.

Cucine Popolari

Un'iniziativa annunciata nei giorni scorsi e che ha visto all'opera Stefano Agostini del ristorante 19.94, Giuseppe “Pino” Romano di Enotavola Pino, Andrea Valentinetti del ristorante Radici e Luca Tommasicchio del ristorante Tola Rasa, i quali hanno realizzato un intero menu (con tanto di maxi-uovo di Pasqua realizzato da Luca Scandaletti della pasticceria Le Sablon) per le persone in difficoltà che ogni giorno si vedono costrette a rivolgersi alle cucine gestite da suor Albina per un pasto caldo. Un gesto - tra i tanti di questi tre giorni - che ha ricevuto i complimenti del sindaco Sergio Giordani e dell'assessore Antonio Bressa e la benedizione del Vescovo Claudio Cipolla, tutti presenti sul posto per condividere questo momento di gioia e solidarietà.

Pranzo Pasqua Cucine Popolari 1-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Ricoveri in ospedale, tutte le province venete in Fase 5 tranne Padova»

  • Femminicidio nella notte a Cadoneghe: uomo uccide la moglie a coltellate

  • Zaia: «Ecco la nuova ordinanza. Ridotta capienza nei negozi e nei centri commerciali»

  • Il Covid si porta via a 67 anni lo storico pasticcere di Mestrino. Morto anche un giovane professore

  • Paolo Mocavero condannato, Roberto Baggio vince anche in tribunale

  • Investito in bicicletta dal rimorchio di un camion: 14enne in fin di vita

Torna su
PadovaOggi è in caricamento