Tamponi e test sierologici per i volontari: partito il progetto “Covid Test for Protezione Civile”

Saranno circa 1.600 i volontari della Protezione Civile della Provincia di Padova che già a partire da oggi si sottoporranno a tamponi e dal prossimo mese a test sierologici

Saranno circa 1.600 i volontari della Protezione civile della Provincia di Padova e del gruppo provinciale che già a partire da oggi, lunedì 27 aprile, si sottoporranno a tamponi e - dal prossimo mese - a test sierologici. Si chiama “Covid Test for Protezione Civile” ed è il percorso definito dalla Provincia insieme all’Azienda ospedaliera di Padova per verificare se le persone direttamente impegnate in quest’emergenza hanno contratto il Coronavirus (Sars-CoV-2).

Il progetto

Il progetto e tutti i numeri dell’attività svolta dai volontari in questi mesi sono stati presentati nella sala operativa della protezione civile di via Cave 178 dal presidente della Provincia Fabio Bui, dal vice presidente e consigliere provinciale delegato Vincenzo Gottardo, dal coordinatore del nucleo operativo provinciale Massimo Maran e da Luciano Flor e Daniele Donato, rispettivamente direttore generale e direttore sanitario dell’Azienda Ospedaliera di Padova. Spiega Bui: «Abbiamo voluto tirare un po’ le fila del grande impegno dei volontari: ormai siamo nella fase 2 ed è giusto iniziare a comprendere la portata del lavoro svolto. Oggi sono iniziati i tamponi per i volontari che sono operativi ma dal prossimo mese partiranno anche i test sierologici. Il grande lavoro di squadra è frutto di un’organizzazione partita senza grandi previsioni, ma poi rodata grazie all’impegno di tantissimi volontari. Senza l’aiuto di queste persone, ci saremmo trovati nell’impossibilità di consegnare farmaci, mascherine, buoni spesa o beni di prima necessità soprattutto agli anziani soli, tra le categorie più colpite da questa emergenza. In questo periodo ci siamo trovati tra due trincee: quella sanitaria e quella della logistica sostenuta dalla Protezione Civile. Ringrazio l’esercito di volontari che dedicano quotidianamente il loro tempo e costituiscono una macchina che non si ferma mai. Mi sento di ricordare l’importante contributo offerto anche dalla comunità cinese che ha donato circa centomila mascherine che sono state distribuite a tutte le realtà che ne hanno fatto richiesta. Anche quando l’emergenza sarà passata dovremo ricordare e apprezzare il nostro servizio sanitario che ha dato un importante contributo e si è distinto a livello nazionale e internazionale».

Gottardo Bui Flor Donato-2

Protezione Civile

Per la gestione logistica e del materiale sanitario sono stati effettuati 195 trasporti percorrendo, con 12 fra camion e furgoni, quasi 13.000 km. Dal 21 marzo, inoltre, è iniziata la distribuzione a tutte le Province degli schermi protettivi donati dalla Grafica Veneta alla Regione del Veneto per i cittadini, oltre 9 milioni di schermi, integrati poi da altre 7 milioni di mascherine antibatteriche distribuite dal Dipartimento della Protezione Civile alle varie Regioni d’Italia. Aggiunge Gottardo: «Vogliamo far capire le dimensioni di questa emergenza: i volontari sono stati impegnati fin da subito anche nelle operazioni di sorveglianza nei distretti sanitari e nei mercati. Parliamo di tante persone che da Padova hanno assicurato il loro supporto a tutte le Ulss del Veneto, alle province e ai distretti del territorio padovano. Il nostro più sincero ringraziamento va a ogni persona che si è dedicata ad aiutare gli altri mettendo a rischio la propria salute. Ancora una volta la macchina della protezione civile padovana ha saputo distinguersi per l’alto senso civico dei suoi componenti».

Operazioni

Fin dal 21 febbraio scorso la Provincia di Padova, con il Servizio di Protezione Civile ed il Gruppo Provinciale Volontario, ha iniziato ad operare nell’ambito dell’emergenza Coronovirus. Il primo intervento è stato effettuato presso l’Ospedale di Schiavonia con l’installazione di 12 tende della Regione del Veneto. Successivamente, con la collaborazione dei Distretti, è stato dato supporto alle Forze dell’Ordine e ai Militari a presidio dei “cancelli” di Vò con l’installazione di alcuni fari/torri faro per illuminare i punti di chiusura del territorio comunale. In contemporanea e sempre con il supporto dei distretti, sono state installate, presso i vari Ospedali dell’ULSS 6, tende per l’effettuazione di tamponi e per le attività di Pronto Soccorso, in caso di sospetto paziente COVID. Il primo Ospedale è stato quello di Padova: 12 tende di fronte al Reparto Infettivi ed una presso il Pronto Soccorso, 4 presso gli Ospedali di Camposampiero, 3 di Cittadella, 2 a Piove di Sacco, il Pronto Soccorso di Schiavonia (Monselice) e dell’Ospedale S. Antonio a Padova, presso lo I.O.V. di Padova nonché la Direzione Prevenzione dell’Ospedale di Padova e la RSA di Merlara, per un totale di 40 tende montate.

Azienda Ospedaliera

Afferma Luciano Flor: «Ringrazio tutti gli operatori che si sono interfacciati in questa situazione. Certamente quando l’emergenza è partita non avevamo idea di cosa sarebbe successo, ma la macchina è fatta di persone e possiamo dire con soddisfazione che ha funzionato alla perfezione. La logistica, supportata dalla Protezione Civile è stata fondamentale. Per questo oggi iniziamo ad effettuare i tamponi a tutti i volontari che sin dal primo giorno di emergenza hanno sempre lavorato su tutti i fronti. Inizialmente l’idea di piantare 11 tende davanti all’ospedale sembrava quasi un disegno troppo grande, invece si è rivelato strategico perché ha contribuito a mettere in sicurezza tutto il nosocomio. La tempestività e la sinergia sono stati gli elementi decisivi per contrastare con maggior efficacia il virus». Dal 17 marzo è stato attivato presso il Centro Operativo Provinciale di via Cave a Padova, uno dei due punti regionali per il ricevimento e il trasferimento del materiale sanitario acquisito dal Dipartimento della Protezione Civile per la Sanità Regionale. Mascherine, guanti, tute protettive, schermi, disinfettanti, respiratori, aspiratori, etc. continuano ad arrivare quotidianamente. Migliaia i colli movimentati dal personale volontario del Gruppo Provinciale per il loro carico e scarico. Dal 20 marzo al 7 aprile il Centro Operativo è stato attivo h24, con il supporto di un presidio notturno o tramite la reperibilità dei volontari. Conclude Daniele Donato: «Rivolgo un ringraziamento sincero a tutti i volontari della Protezione Civile che hanno dato ampia e tempestiva disponibilità nell’operatività. Il loro pronto intervento ci ha consentito di costruire un percorso in sicurezza per le persone che dovevano venire a curarsi in ospedale. Sono stati visitati più di 9mila pazienti nelle tende con punte di più di 500 utenti al giorno. Quando le Istituzioni hanno obiettivi comuni, si ottengono risultati straordinari».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I dati

Tutte le attività logistiche presso il Centro di via Cave sono avvenute in stretto raccordo e coordinamento con la Regione del Veneto e il Servizio Protezione Civile della Provincia. Per effettuare le varie attività il Gruppo Provinciale, con i suoi 41 volontari attivi, ha prestato la propria opera ininterrottamente dall’inizio dell’emergenza con un totale di 344 squadre e 776 presenze. In questo momento sono all’opera tutti i 13 Distretti di protezione civile della provincia, con le loro quasi 100 Organizzazioni, a supporto della popolazione tramite le varie attività necessarie ad affrontare l’emergenza: informazione della cittadinanza e distribuzione mascherine; consegna spese e farmaci ai cittadini; consegna materiali ad Istituti di Riposo; supporto logistico presso le strutture ospedaliere con tende; vigilanza e controllo presso il ripristinato Ospedale di Monselice; supporto ai flussi presso i distretti sanitari, i mercati giornalieri o periodici, gli Eco Centri ed alcuni esercizi commerciali; Dal 21 febbraio oltre 11.200 presenze dei volontari di protezione civile, 1.250 volontari della nostra provincia che con 3900 squadre hanno operato e stanno operando a supporto silenzioso ma indispensabile alla gestione dell’emergenza COVID19 sull’intero territorio provinciale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Voto, ecco i dati di affluenza a mezzogiorno

  • L’amore trionfa: sistemato a tempo di record il murale di Kenny Random imbrattato nella notte

  • Focolaio all'asilo notturno del Torresino: 30 positivi al covid su 82 ospiti

  • Kenny Random, imbrattato il murale più fotografato di Padova

  • Perde il controllo della sua barca dopo un'onda anomala: muore idraulico padovano

  • Occhio al semaforo: attivata la sperimentazione di un nuovo T-Red a Padova

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento