«Dal 6 marzo riapre l’ospedale di Schiavonia»: l’atteso annuncio

L’annuncio dopo l’incontro tra l’assessore regionale Manuela Lanzarin e i sindaci di Monselice e Pozzonovo

L’assessore regionale alla sanità e sociale della Regione del Veneto, Manuela Lanzarin, ha incontrato nella mattinata di sabato 29 febbraio il Presidente del Comitato dei Sindaci del Distretto n. 5 dell’ULSS 6 Euganea (ex- ULSS 17 Monselice) Giorgia Bedin, sindaco di Monselice, accompagnata dal sindaco di Pozzonovo e deputato Arianna Lazzarini, per un aggiornamento relativo alla situazione dell’ospedale di Schiavonia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ospedale di Schiavonia

A comunicarlo è la Regione Veneto: «Come si ricorderà, essendo il primo ospedale in Veneto nel quale si sono registrati i primi due contagi da Coronavirus, sin da subito si era resa necessaria la chiusura di tutto l’ospedale, in considerazione del fatto che la persona deceduta ed il secondo contagiato erano stati ricoverato in quattro differenti reparti. L’assessore ha specificato che il periodo di isolamento scade il 6 marzo, data fino alla quale l’ospedale resterà isolato. Nel periodo indicato nessuna nuova degenza o altra attività è prevista ma viene dirottata in altre sedi e strutture sanitarie. È stato deciso, comunque che Schiavonia sarebbe potuto diventare un punto di riferimento regionale dal momento che, come era stato chiesto dal Governo, potrebbe verificarsi la necessità di avere a disposizione strutture di emergenza per far fronte ad un eventuale picco e incrudimento della diffusione del virus. L’assessore regionale alla sanità ha spiegato ai sindaci presenti che dal 6 marzo in poi sarà individuata un’ala dell’ospedale da dedicare al Coronavirus nell’eventualità, chiesta dalle Autorità Sanitarie Nazionali, che sia necessario prevedere una maggiore affluenza sia ai reparti di malattie infettive – per i quali sono disponibili già 145 posti letto a livello regionale – sia alle terapie intensive. Nel frattempo, dopo il 6 marzo, riprenderanno le attività ordinarie nel resto dell’Ospedale di Schiavonia. L’assessore alla sanità della Regione del Veneto, infine, si è resa disponibile ad un incontro, a breve, con tutti i sindaci del Distretto n.5 dell’Ulss 6 Euganea».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Questa cosa non dura due settimane, abbiamo un progetto che arriva a maggio 2021»

  • Coronavirus, il prof. Ursini difende Andrea Crisanti: «Parole sgradevoli dal professor Palù»

  • Coronavirus, Zaia: «Ho l'impressione che questo Dpcm sia solo un "riscaldamento a bordo campo"»

  • A piedi lungo la tangenziale, giovane viene investito all'alba: è grave

  • Incidente a Legnaro, investito un pedone sulle strisce: portato in ospedale con codice rosso

  • Coronavirus, Zaia: «Entro lunedì una nuova ordinanza con restrizioni leggere anti-assembramenti»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento