Aiuti economici e spesa a domicilio: la doppia iniziativa del Comune di Albignasego

Tasse comunali posticipate, sanificazione delle strade e contributi alle famiglie i cui figli frequentano le materne e i nidi oltre alla spesa a domicilio per gli anziani

Due in uno: doppia iniziativa del Comune di Albignasego per affrontare l'emergenza Coronavirus.

Scuole

L’Amministrazione comunale e le scuole dell’infanzia del territorio hanno istituito un Tavolo tecnico permanente di confronto, per valutare modalità di sostegno alle famiglie i cui figli frequentano le materne convenzionate e i nidi integrati. «In questo eccezionale momento che sta attraversando tutta la comunità di Albignasego» precisa il sindaco Giacinti, «l’Amministrazione comunale e le scuole dell’infanzia parrocchiali del territorio hanno istituito un Tavolo tecnico permanente di confronto sull’evolversi  continuo della situazione, per poter valutare tempestivamente modalità di sostegno a favore delle famiglie i cui figli frequentano le scuole dell’infanzia convenzionate e i nidi integrati». Nel primo incontro è emersa la necessità condivisa di offrire fin da subito un aiuto concreto per fronteggiare l’attuale sospensione dell’attività scolastico-educativa. Da qui, la decisione dell’Amministrazione comunale, da una parte, di costituire un apposito fondo - di circa sessantamila euro - da destinare alle scuole quale contributo straordinario una tantum a favore delle famiglie; e quella delle Scuole, dall’altra, di applicare sulla retta di marzo una riduzione forfettaria di 40 euro. L’intervento combinato di Amministrazione e scuole dell’infanzia consente di determinare le seguenti riduzioni sulla retta di marzo: per le scuole dell’infanzia la riduzione sarà di 100 euro (60 di contributo comunale, aggiunti alla riduzione di 40 euro applicata dalle scuole);  per la Sezione Primavera la riduzione sarà di 120 euro (80 euro di contributo comunale, 40 di riduzione delle scuole); per i nidi sarà di 140 euro (100 euro di contributo comunale, 40 di riduzione delle scuole). Per gli iscritti al nido resta attivo anche il Bonus Nido dell’Inps. Il Comune si impegna a versare il contributo di 100 euro anche ai micronidi autorizzati, pure se non ancora convenzionati, che si impegneranno, quanto meno, ad applicare la stessa scontistica delle scuole paritarie parrocchiali. «Per il Comune è un grande sforzo economico» prosegue il sindaco Giacinti, «che sarà difficile ripetere per i mesi a venire. Siamo qui a chiedere, pertanto, che il Governo attivi con urgenza le misure di sostegno alle famiglie e alle scuole paritarie, che rischierebbero, altrimenti, la chiusura».

Tasse

A causa delle misure stringenti di contenimento della pandemia da Covid-19 e la costrizione alla chiusura di gran parte degli esercizi comunali e artigianali del territorio, il Comune di Albignasego ha deliberato un aiuto anche alle categorie economiche, alle prese con i problemi legati al calo dei guadagni, posticipando le scadenze del versamento delle tasse comunali. Tutto questi in attesa degli aiuti statali. La prima rata della Tari dei rifiuti, il cui versamento è previsto entro il 31 maggio, slitta al 31 luglio: a seguire, la seconda è spostata al 30 settembre e la terza al 16 dicembre. La scadenza della Cosap e dell’Imposta sulla pubblicità passano dal 30 aprile al 30 giugno. Infine per l’Imu dei fabbricati di categoria D e per quelli destinati all’esercizio delle attività produttive, il pagamento della prima rata della parte comunale slitta al 30 settembre, mentre resta invariato il saldo al 16 dicembre. «Un grande sacrificio viene chiesto in questo momento soprattutto alle nostre attività produttive» dichiara il sindaco Filippo Giacinti. «Per quanto attiene al Comune, comprendendo le difficoltà economiche con cui saranno probabilmente costrette a fare i conti nei prossimi mesi, il modo in cui possiamo venire loro incontro è quello di spostare il pagamento delle tasse in carico al Comune. Auspicando che il Governo intervenga massicciamente con aiuti concreti alle imprese».

Sanificazione strade e marciapiedi

Stanziamento straordinario, infine, per la sanificazione delle strade e dei marciapiedi comunali: 30 mila euro sono stati infatti messi a disposizione della pulizia e igienizzazione di strade e marciapiedi delle principali arterie viarie che attraversano Albignasego e i quartieri. Se non pioverà, l’intervento di sanificazione inizierà già domani: gli addetti opereranno nelle ore serali. Saranno sanificati, inoltre, gli edifici pubblici.

Spesa a domicilio

Per fronteggiare l’emergenza legata alla diffusione del Coronavirus, il Comune di Albignasego ha iinoltre avviato il servizio di Spesa a domicilio, dedicato alle persone anziane o fisicamente fragili, non in grado di spostarsi autonomamente e invitate, dalle disposizioni ministeriali, a rimanere il più possibile all’interno del proprio domicilio. Contattando i Servizi sociali comunali ai numeri 0498042257 e 0498042204, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e il martedì e giovedì anche dalle 15 alle 17, grazie a una rete di volontari sarà organizzato il servizio di spesa, completamente gratuito, direttamente a casa di chi ne fa richiesta. Il servizio è stato promosso dall’assessorato ai Servizi sociali comunali insieme a Rete di volontariato civico e in collaborazione con l’associazione di commercianti Vivà, Auser, Acli, Croce rossa italiana e Associazione anziani Albignasego. «Viene chiesto a tutti noi un sacrificio» dichiara il sindaco di Albignasego, Filippo Giacinti «ovvero di rimanere il più possibile in casa. Una precauzione che devono osservare principalmente le persone la cui salute sarebbe più a rischio in caso di contagio, come le persone anziane o con patologie. Grazie ai volontari che si sono messi a disposizione, non lasceremo sole queste persone, ma faremo loro arrivare la spesa a domicilio. L’invito che rivolgo a tutti coloro che conoscono persone anziane e fisicamente fragili è di diffondere la possibilità di accedere, del tutto gratuitamente, a questo servizio». L’associazione di commercianti Vivà sta coordinando i negozianti di Albignasego che si sono resi, e si renderanno, disponibili  a consegnare la spesa a domicilio. L’associazione Auser, invece, per gli utenti che ha già in carico continuerà a svolgere il servizio in caso di emergenza, mentre la Rete di volontariato civico, con la Croce Rossa e le Acli, forniranno specifiche consegne a domicilio. L’associazione Anziani di Albignasego, infine, sensibilizzerà i propri utenti. «Grazie a tutte queste associazioni» conclude il sindaco «e alla rete di volontariato sociale, che dimostrano come la nostra Città abbia un grande cuore».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto tornando a casa, diciottenne Padovano perde la vita

  • Coronavirus, Crisanti: «Siamo in un mare in tempesta. Secondo lockdown? Sarebbe inutile»

  • Coronavirus, Zaia: «Stiamo iniziando a entrare nel vivo della battaglia»

  • Il miglior panettone del mondo si trova alla pasticceria Estense: Francesco Luni vince l’oro assoluto

  • «Non ho la mascherina perché non riconosco la legge italiana»: scatta la multa di 400 euro

  • Crisanti lascia Padova e va allo Spallanzani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento