600 km di corsa, per combattere il tumore: la nuova impresa di Domenico Corradin

Dopo l’avventura del 2016 (creata per reagire alla diagnosi di tumore al pancreas ricevuta nel 2014), Corradin partirà dal Vicentino per raggiungere Roma transitando anche per Piazzola sul Brenta e Legnaro

La nuova impresa di Domenico Corradin ha avuto inizio

Di nuovo in (e di) corsa. Per combattere il tumore: dopo l’avventura del 2016 che lo ha visto percorrere di corsa 375 km da Nove - suo paese di origine - fino ad Assisi, Domenico Corradin riparte alzando l’asticella e portando i km totali a 597 per raggiungere Roma.

Le motivazioni

Immutata la motivazione che dá vita anche a questa sua seconda grade impresa: reagire alla diagnosi di tumore al pancreas ricevuta da Domenico nel 2014. Una reazione volta non solo alla propria guarigione personale ma anche per spronare e sensibilizzare tutti gli ammalati di tumore, i loro familliari, gli enti e le figure di supporto che ruotano intorno a questa patologia, a reagire e a cercare anche in se stessi, oltre che nelle cure mediche, la strada verso la guarigione. Per Domenico lo sport ha rappresentato e rappresenta tutt’oggi uno strumento fondamentale nella sua personale lotta alla malattia, le sue imprese infatti nascono sotto l’egida dell’ associazione Curati di Sport - Associazione Oncologica San Bassiano e sono sostenute da tutta la famiglia, i parenti, gli amici e i tanti simpatizzanti di Domenico. Domenico Corradin correrà, anche in questo caso, con il suo fedele carrello, progettato e realizzato per contenere quanto necessario durante la corsa (vestiario e cibo), e dividerá la corsa in tappe giornaliere di circa 30 km ciascuna.

Passaggio nel Padovano

La partenza è prevista da Nove sabato 13 aprile e l’arrivo è programmato per il 5 maggio a Roma. Domenico sará assistito, come giá per la corsa del 2016, dal fratello gemello Stefano e dal genero Francesco. Previsti nel weekend i passaggi a Piazzola del Brenta e Legnaro. Lo corsa sarà anche occasione di incontro con persone, associazioni, enti, realtá locali e chiunque abbia piacere di avere uno scambio con Domenico Corradin o di affiancarsi a lui per percorrere un tratto di corsa insieme. Chiunque abbia voglia di avvicinarsi, condividere, sostenere, simpatizzare con Domenico in qualsiasi tappa o tratto del suo percorso sarà il benvenuto. Domenico Corradin ha deciso di intraprendere questa impresa nonostante la recidiva della malattia in un carcinoma alla prostata, per il quale verrà operato al termine della corsa, dopo aver ottenuto il parere favorevole dei medici che lo hanno in cura.

Come dare il proprio contributo

Per coprire i costi dell’impresa e per sostenere l’associazione CURATI DI SPORT - ASSOCIAZIONE ONCOLOGICA SAN BASSIANO, Domenico chiede di dare testimonianza di solidarietà attraverso un versamento. IBAN IT83 O058 5660 1601 6157 1033 330 c/c Volksbank- agenzia di Bassano del Grappa.

Potrebbe interessarti

  • Via libera all'assunzione di 500 giovani medici: la rivoluzionaria scelta della Regione Veneto

  • Tumori, scoperto il meccanismo per il controllo della proliferazione cellulare

  • Infarto e ictus, team di ricercatori padovani trova la "porta" che diminuisce i danni al cuore

  • Potassio: come assumerlo e perché fa bene a cuore, reni e ritenzione idrica!

I più letti della settimana

  • Terribile frontale auto-moto, gamba amputata per i due centauri padovani: sono in pericolo di vita

  • Decide di farla finita lanciandosi dal terzo piano di un hotel del centro: tragico suicidio a Padova

  • Fermata e soccorsa mentre corre nuda in centro a Padova: «Sono sonnambula»

  • Tenta il suicidio nel Bacchiglione: trascinata a riva da un passante, è gravissima

  • Drammatico incidente stradale nella Bassa: 36enne muore in ospedale per le gravi lesioni subite

  • Pedone falciato da un'auto all'altezza del cantiere: due i feriti

Torna su
PadovaOggi è in caricamento