Sei nuovi defibrillatori in tutto il territorio: Este diventa Comune "cardio-protetto"

L’amministrazione comunale di Este ha sottoscritto una convenzione con l’associazione Sogit per la gestione di 6 defibrillatori: 4 sono in fase di installazione in luoghi aperti al pubblico, mentre altri due saranno collocati nei luoghi abitualmente deputati a spettacoli ed eventi

Foto di gruppo davanti al primo defibrillatore, posizionato in piazza Maggiore

L’amministrazione comunale di Este ha sottoscritto una convenzione con l’associazione Sogit per la gestione di 6 defibrillatori, alcuni acquistati dall'Ente e altri donati da privati: 4 sono in fase di installazione in luoghi aperti al pubblico, mentre altri due saranno collocati nei luoghi abitualmente deputati a spettacoli ed eventi.

I defibrillatori

L’associazione di volontariato è stata selezionata tra soggetti del terzo settore. Oltre alla gestione dei dispositivi e del primo soccorso, Sogit si occuperà della formazione rivolta alla cittadinanza con dei corsi e serate informative. Il primo dispositivo, donato dal titolare della gelateria “Vaniglia e Cioccolato” è stato posizionato in piazza Maggiore sotto al Municipio. Gli altri saranno a breve collocati nelle apposite teche da esterno posizionate: in piazza Guariento, nel sottoportico davanti alla parafarmacia Mantovanelli; a Deserto, accanto alla farmacia “Athestina”; in via Brunelli nelle vicinanze della nuova caserma della Guardia di Finanza (sottoportico sala Fumanelli); a Schiavonia, vicino al campo sportivo. Restano da posizionare un defibrillatore in zona Salute ed un altro, completo di colonnina autoportante, donato dalla ditta atestina “Bisecco Elettromedicali”.

I commenti

Sottolinea il sindaco Roberta Gallana: «Con questa dotazione si completa una copertura territoriale ampia che ha riguardato in primis gli impianti sportivi: sono infatti dotati del dispositivo le palestre comunali, quelle degli istituti superiori e i campi sportivi. La presenza di questi strumenti salvavita in luoghi accessibili è indispensabile. Gli arresti cardiaci colpiscono circa 70 mila italiani l'anno e un terzo avviene in luoghi pubblici. I minuti che passano in attesa dei soccorsi, per quanto essi possano essere celeri, fanno la differenza. La presenza di un defibrillatore e di un cittadino correttamente formato sulle tecniche di primo soccorso può salvare la vita. Anche per questo motivo abbiamo scelto di posizionare quattro defibrillatori ad uso pubblico in luoghi accessibili e vicini a strutture sanitarie come le farmacie». Aggiunge Sergio Gobbo, assessore alla salute pubblica: «Quello della cardio protezione è un progetto di assoluta importanza in ottica di prevenzione e di gestione immediata di eventuali emergenze. Va però scongiurato l'utilizzo improprio: l'uso del defibrillatore richiede adeguata preparazione e a tal fine abbiamo predisposto un programma di formazione continua a favore della popolazione. La formazione, unita alla sempre maggiore diffusione dei dispositivi negli impianti sportivi e nei luoghi pubblici, ci consentiranno di poter definire Este Comune cardio-protetto».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le statistiche

Alcune statistiche rivelano come, a seguito della sempre maggior diffusione di defibrillatori e della relativa formazione, il tasso di sopravvivenza in caso di arresto cardiaco sia passato da poco meno del 5% ad oltre il 50%. «Mi hanno colpito i dati sulle vite che si possono salvare grazie ai defibrillatori, soprattutto se posizionati in luoghi aperti al pubblico - afferma Giuseppe Schizzerotto della gelateria “Vaniglia e Cioccolato” - per questo motivo, e come segno di riconoscenza nei confronti della mia città e degli atestini che mi hanno dato tanto, ho deciso di donare uno di questi dispositivi al Comune, affinché lo mettesse a disposizione della collettività». Dello stesso tenore anche il commento dell’altro donatore, Federico Bisecco: «Sono venuto ad abitare a Este e mi sono trovato così bene che qui ho deciso di aprire anche l’attività commerciale. Desideravo manifestare la mia gratitudine a Este, come cittadino e come imprenditore, donando un dispositivo salvavita alla cittadinanza». Chiosa l’assessore: «La presenza del defibrillatore e l’intervento tempestivo di un medico sono stati provvidenziali lo scorso dicembre quando, a pochi metri dal Campo Augusteo, una ragazzina di 15 anni si è sentita male. Per fortuna si è scongiurato il peggio. Prevenzione e formazione possono fare la differenza per salvare la vita».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: primo caso di alunno positivo nel Padovano, classe e docenti in isolamento

  • «Dov’è la felicità? È molto lontana, è vicino a Padova», il meme diventa virale

  • Tragedia nella Bassa: bimba di un anno e mezzo muore investita dal nonno

  • Frontale tra una Punto e un furgoncino: 17enne padovana perde la vita

  • Crisanti smentisce Zaia: «Il modello Veneto è merito dell'Università di Padova»

  • È vero che i farmaci generici sono uguali a quelli di marca?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento