rotate-mobile
Attualità

Ex Configliachi nel degrado, ora serve spingere per iniziare i cantieri

Sullo storico edificio dell'Arcella è pronto un investimento di oltre cinque milioni di euro ottenuto grazie al Pnrr all'interno di uno più ampio da 15 milioni di euro e che riguarda l'intera area di San Carlo e piazza Azzurri d'Italia. La denuncia dell'abbandono da parte dei residenti

«Lo stabile "Ex-Configliachi" è completamente abbandonato al degrado». La denuncia arriva da Anima Critica, un comitato di residenti nato attorno ad Arcella e Vigodarzere: «Dopo molti anni di indecisione sul destino urbanistico dello stabile, oggi il risultato è quello di vedere strappato e a brandelli il telo che ricopre l'impalcatura a ridosso della muratura esterna - evidenzia Massimo Camporese, portavoce del comitato - .Un cono d'ombra ed ambiguità per possibili attività illegali. Si richiede dunque una maggiore messa in sicurezza per garantire il decoro urbano».

(video autoprodotto da Anima Critica)

Il progetto

Sullo storico edificio dell'Arcella è pronto un investimento di oltre cinque milioni di euro ottenuto grazie al Pnrr all'interno di uno più ampio da 15 milioni di euro e che riguarda l'intera area di San Carlo e piazza Azzurri d'Italia. Si tratta di un hub polifunzionale: al piano terra ci saranno servizi bibliotecari, una caffetteria e i laboratori. Al primo piano troveranno spazio aule per la didattica e spazi di coworking, mentre al secondo uffici e alloggi per gli artisti, mentre lo spazio esterno verrà adibito a plateatico, con sedie e tavolini, per un giardino di quartiere aperto a tutte e tutti. Verrà trasformato in un grande spazio per l’arte e la cultura contemporanea e realizzata una scuola per l’alta cucina enogastronomica. Spazi per i giovani e il coworking che dialogherà incessantemente con il costituendo realizzando il liceo classico Tito Livio

Lonardi

Prima di Anima Critica, a segnalare il degrado all'ex Configliachi era stato il consigliere comunale leghista, Ubaldo Lonardi: «Le promesse, i progetti e i rendering del sindaco Giordani e dell’assessore alla cultura Andrea Colasio, sul futuro dell’ex istituto Configliachi, nella realtà sono un bivacco indecente che alla sera si trasforma in luogo di spaccio della droga. In via Guido Reni, nei locali abbandonati dell’Istituto, prospera una situazione di degrado inaudita e da alcune settimane il luogo è frequentato da spacciatori di droga, molti dei quali giovanissimi, che eludono le azioni di contrasto delle forze dell’ordine, spostandosi in altri siti abbandonati. Il progetto presentato dall’amministrazione comunale non sarà la soluzione per l’ex Configliachi, ma sarà uno spreco di risorse per strutture inutili. La mia proposta, che trova concorde tutto il centrodestra è di destinare tutto l’immobile al Liceo classico Marchesi che, come ben noto, abbisogna di una sede stabile, dignitosa e non suddivisa fra tre succursali».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex Configliachi nel degrado, ora serve spingere per iniziare i cantieri

PadovaOggi è in caricamento