menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nidificazione del falco pellegrino: da marzo a giugno divieto di arrampicata a Rocca Pendice

Da qualche anno alcune coppie di falchi pellegrini hanno scelto la parete rocciosa di Rocca Pendice per nidificare. Pertanto il divieto di arrampicata è esteso da marzo a giugno per non disturbare la costruzione del nido e la nascita dei piccoli

L’Ente Parco Regionale dei Colli Euganei comunica che è fatto divieto di arrampicarsi e calarsi dall’alto nell’area della parete Est  di  Rocca Pendice  al fine di permettere la nidificazione del falco pellegrino che proprio in questa zona ha trovato il suo habitat.  Il decreto di ordinanza è stato firmato in questi giorni dal vice presidente del Parco Colli Euganei Antonio Scarabello e rimane in   vigore dal primo di marzo al 15 giugno 2021.  «Un fatto di sensibilità  che il Parco  Colli Euganei si fa carico per tutelare  la biodiversità attuando ogni forma di salvaguardia della fauna e del paesaggio» sottolinea  Antonio Scarabello.

Il divieto per la tutala

Il Parco Colli Euganei, in accordo con LIPU di Padova e con la collaborazione del CAI,  ha attuato  questo decreto che vieta l’arrampicata a Rocca Pendice  per tutelare  il falco pellegrino,  chiamato  così perché il suo piumaggio ricorda la somiglianza dei mantelli scuri che i viaggiatori erano soliti indossare  e sembra portare in testa un cappuccio chiuso.  Questo rapace ha un’apertura alare di oltre un metro, raggiunge velocità altissime toccando quasi 300 km in picchiata, si nutre di uccelli che cattura in aria.

Divieto da marzo a guigno

Da qualche anno alcune coppie di falchi pellegrini hanno scelto la parete rocciosa di Rocca Pendice per nidificare. Pertanto il divieto di arrampicata è esteso da marzo a giugno per non disturbare la costruzione del nido e la nascita dei piccoli.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento