Dagli allergeni alle norme di conservazione: arriva la carta d’identità dei dolci

Un’iniziativa del gruppo pasticceri di Padova e provincia, appartenente all’Appe: la dichiarazione di conformità conterrà tutti i dati fondamentali

Facile da gestire per il professionista e rassicurante per il consumatore. Stiamo parlando della nuova carta d’identità dei dolci che viene consegnata ai clienti che acquistano torte e dessert nelle pasticcerie padovane.

L’iniziativa dell’Appe

L’iniziativa, nata da un’idea dei pasticceri aderenti all’Appe, l’Associazione Provinciale Pubblici Esercizi, «è stata pensata per soddisfare una precisa esigenza di alcuni clienti - spiega Federica Luni, vicepresidente Appe e portavoce dei pasticceri padovani - La carta viene consegnata a coloro che acquistano un dessert per poi portarlo in una scuola, in un asilo o in un ristorante per festeggiare un compleanno o una ricorrenza ovvero in quei luoghi che non accettano dessert “casalinghi” per la mancanza di garanzie igieniche, di sicurezza alimentare o ingredientistica, di scadenza del prodotto. Con la carta d’identità tali problemi vengono superati perché in essa sono riportate tutte le informazioni richieste».

I dati contenuti nella dichiarazione di conformità

È noto che gli esercizi di ristorazione (ristoranti, trattorie, pizzerie e similari) hanno difficoltà ad accettare i dolci portati dai clienti, perché tal volta mal conservati o di provenienza anonima e, quindi, non in grado di garantire la salubrità. Nella dichiarazione di conformità, il pasticcere attesta l’ora di consegna e il tipo di dolce, la sua deperibilità, la temperatura di conservazione e l’eventuale osservanza della “catena del freddo”. Trattandosi sempre di prodotti freschi, non dovranno essere esposti ai raggi solari, oppure lasciati in macchina sotto il sole, e andranno consegnati immediatamente al ristoratore appena giunti nel locale. Ora, dopo l’entrata in vigore del Regolamento UE 1169/2011 (e delle sanzioni allo stesso collegate), tale “dichiarazione” è stata aggiornata con le indicazioni obbligatorie sugli allergeni. «Siamo sicuri che la “carta d’identità” verrà molto apprezzata – prosegue Luni – anche dagli asili e dagli istituti scolastici e dai ristoratori che stanno sempre più prendendo le distanze da tutti i dolci casalinghi, le cui garanzie igieniche non sono comprovate». I pasticceri associati all’APPE potranno ottenere i moduli, chiedendoli alla Segreteria, e proseguire così nel virtuoso circuito di tutela della salute dei consumatori. Per maggiori informazioni è possibile contattare la Segreteria APPE allo 049.7817222 – email appe@appe.pd.it

Potrebbe interessarti

  • Via libera all'assunzione di 500 giovani medici: la rivoluzionaria scelta della Regione Veneto

  • Tumori, scoperto il meccanismo per il controllo della proliferazione cellulare

  • Ferragosto da bollino rosso sulle autostrade venete: giorni di traffico intenso

  • Al top in Italia e nel mondo: Università di Padova al 160esimo posto su 20mila atenei valutati

I più letti della settimana

  • Terribile frontale auto-moto, gamba amputata per i due centauri padovani: sono in pericolo di vita

  • Decide di farla finita lanciandosi dal terzo piano di un hotel del centro: tragico suicidio a Padova

  • Ferragosto di sangue: lo schianto in autostrada è violentissimo, muore a 22 anni

  • Fermata e soccorsa mentre corre nuda in centro a Padova: «Sono sonnambula»

  • Tentato stupro vicino alla sagra: strattonata e trascinata da due uomini verso un vicolo

  • Spaventoso incidente al semaforo: tre feriti, due sono bambini. Auto distrutte

Torna su
PadovaOggi è in caricamento