rotate-mobile
Attualità

Inquinamento, fissate sette domeniche ecologiche: 19 Comuni coinvolti

Le domeniche ecologiche saranno sette, una al mese: si terranno il 2 ottobre, il 6 novembre, il 4 dicembre, il 29 gennaio, il 26 febbraio, il 26 marzo e il 23 aprile

Come ogni anno, con l’approssimarsi della stagione invernale, la Provincia di Padova ha convocato il TTZ Tavolo Tecnico Zonale, per definire le misure idonee al contenimento dell’inquinamento atmosferico, armonizzare i provvedimenti tra il capoluogo e i 19 Comuni della cintura urbana, tenendo presenti eventuali deroghe riguardanti in particolare alcune categorie specifiche.

Tavolo tecnico zonale

Il Tavolo Tecnico Zonale “Agglomerato Padova” comprende i Comuni della cintura urbana: Abano Terme, Albignasego, Cadoneghe, Casalserugo, Legnaro, Limena, Maserà, Mestrino, Montegrotto Terme, Noventa Padovana, Padova, Ponte San Nicolò, Rubano, Saccolongo, Selvazzano Dentro, Vigodarzere, Vigonza, Villafranca Padovana, l’ULSS e l’ARPAV. «È stato un bel momento di confronto - ha detto il vicepresidente vicario uscente Vinenzo Gottardo - perché sono provvedimenti che vanno a incidere profondamente sul territorio, ma anche sullo stile di vita dei cittadini. Obiettivo di oggi era quello di cercare una sintonia tra il Comune capoluogo, che è più facilitato a prendere provvedimenti nel centro storico, rispetto ad altri che magari sono attraversati da strade di percorrenza ad alto traffico. Siamo sulla strada giusta, il confronto è stato importante e positivo e mi auguro che in prospettiva si possa pensare ad un provvedimento che possa riguardare molti comuni della nostra provincia. Ci sono indicazioni diverse in base alla fascia in cui ricadremo, giallo, arancio e verde, a fronte dei prelievi ARPAV fatti due volte alla settimana. Le domeniche ecologiche non saranno certamente la soluzione definitiva del problema, ma sarà l’occasione per prevedere manifestazioni e occasioni per vivere in modo più consapevole, adottando stili di vita più responsabili, nei confronti dell’ambiente e della qualità dell’aria. Questo innanzitutto per la nostra salute, per quella dei nostri figli, ma anche per l’obbligo e le sanzioni imposte dalla Comunità Europea. E’ un primo passo importante che ci vede tutti coinvolti perché oltre alla scienza e alla tecnologia, la soluzione è affidata alle buone abitudini e alla coscienza ecologica dei cittadini. La Provincia di Padova si farà interprete presso la Regione Veneto dell’unitarietà del provvedimento affinché possa essere maggiormente incisivo in tutto il territorio».

Domeniche ecologiche

Le domeniche ecologiche saranno sette, una al mese: si partirà il 2 ottobre, il 6 novembre, il 4 dicembre, il 29 gennaio, il 26 febbraio, il 26 marzo, il 23 aprile. Tali misure riguardano limitazioni alla circolazione dei veicoli unitamente ad altre misure rivolte all’Agricoltura e al riscaldamento domestico. È stata prevista una deroga alle limitazioni degli autoveicoli per il periodo natalizio al fine di non penalizzare le attività economiche/produttive. Sono state inserite delle deroghe, dettagliate nei singoli provvedimenti, riguardanti principalmente la circolazione dei mezzi:

  • commerciali categoria N (merci) relativamente al carico/scarico merci e cantieristica edile o su strada;
  • per attività commerciali su aree pubbliche;
  • degli operatori del commercio all’ingrosso di prodotti deperibili;
  • in uso agli ospiti di strutture ricettive, inclusi i bus turistici;
  • per la partecipazione a cerimonie nuziali o funebri;

Il TTZ ha proprio il compito di attuare gli indirizzi del Piano Regionale di Tutela e Risanamento dell'Atmosfera e coordinare le misure a livello locale. Le caratteristiche specifiche della Pianura Padana, a livello orografico e meteoclimatico, hanno favorito la formazione e l’accumulo nell’aria di inquinanti che, nonostante le misure adottate, hanno portato, nel 2020, al superamento dei limiti consentiti e conseguentemente, ad una sentenza di condanna da parte della Corte di Giustizia Europea. A seguito della sentenza, la Regione del Veneto ha approvato un pacchetto di misure straordinarie per la qualità dell’aria che coinvolgono in maniera diversa tutti i Comuni della provincia di Padova, suddividendo il territorio in Comuni appartenenti all’Agglomerato Padova, fuori Agglomerato superiori ai 10mila abitanti e fuori Agglomerato al di sotto dei 10mila abitanti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inquinamento, fissate sette domeniche ecologiche: 19 Comuni coinvolti

PadovaOggi è in caricamento