«Ore di educazione civica in classe e in fattoria»: l'appello di Coldiretti Donne Impresa a Mattarella

Coldiretti Padova propone un “assaggio” delle iniziative per la scuola domenica 13 settembre a Cinto Euganeo, nell’ambito delle iniziative “Aspettando Mattarella”

Tutti pronti per il primo giorno di scuola: lunedì 14 settembre suonerà la campanella anche negli istituti padovani tra le solite difficoltà  organizzative e le nuove ordinanze sanitarie.

Educazione civica

Tra le novità dell'anno scolastico che sarà inaugurato proprio nella nostra provincia dal Presidente della Repubblica in visita a Vo' Euganeo, Coldiretti lancia un appello a Sergio Mattarella per il ritorno dell'ora di educazione civica obbligatoria in classe. «Un'introduzione prevista dalla normativa - spiega Chiara Bortolas presidente veneta di Coldiretti Donne Impresa - che vede tecnici ed esperti di Coldiretti impegnati nei temi previsti dall'ordinamento. Il rientro in aula per migliaia di bambini avviene dopo mesi di isolamento tra le quattro mura domestiche a causa della pandemia ma anche in un clima più sereno dovuto alla partecipazione ai centri estivi, soggiorni in campagna, campi verdi, durante il periodo estivo. I piccoli studenti hanno goduto degli ampi spazi offerti dalle oltre duecento fattorie didattiche dove, secondo le disposizioni di sicurezza, si poteva sperimentare giochi, attività ludiche pedagogiche e recuperare il tempo passato tra le mura domestiche».

"Aspettando Mattarella"

Per questo, in attesa dell’arrivo del Presidente della Repubblica, Coldiretti Padova propone un “assaggio” delle iniziative per la scuola domenica 13 settembre a Cinto Euganeo, nell’ambito delle iniziative “Aspettando Mattarella”. Dalle 15 alla Primaria di Fontanafredda Donne Impresa organizza il laboratorio “I detective della spesa. Gioca con noi per scoprire la stagionalità”. I ragazzi ospiti alla Primaria di Fontanafredda saranno guidati in una divertente e avventurosa “indagine” per risalire all’identità e alla provenienza del cibo che arriva in tavola, smascherando i falsi “made in Italy” e premiando le autentiche tipicità. Per l’anno scolastico in partenza e l’introduzione dell’ora di educazione civica Coldiretti ha messo a punto e inviato alle scuole una dettagliata proposta educativa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il commento

Spiega Valentina Galesso, responsabile di Coldiretti Donne Impresa Padova: «Per recuperare la parte del programma perduto ci vorrà del tempo, tanto che il primo trimestre si passerà sempre chini sui banchi, ma sempre pronti e disponibili sono gli operatori delle aziende agricole che accolgono classi e docenti per ricreazione, compiti e visite continuerà comunque con animazioni e proposte culturali per grandi e piccini. Il team delle imprenditrici agricole di Coldiretti, grazie ad una esperienza ventennale del Progetto di Educazione alla Campagna Amica è già attivo per guidare i bambini e i ragazzi sulla conoscenza delle istituzioni dei principi di trasparenza e legalità e dei modelli di sviluppo sostenibili. Materie vicine al mondo agricolo come quelle scientifiche e umanistiche. I genitori possono contare su questa opportunità gratuita cosi pure il corpo degli insegnanti che nei protagonisti della campagna hanno un sostegno diretto e un supporto utile. Abbiamo messo a punto un percorso che prevede diverse attività per diventare i primi protagonisti della scelta alimentare quotidiana, senza dimenticare la responsabilità di ognuno nella tutela ambientale ed essere cittadini consapevoli facendo attenzione anche all'incidenza degli acquisti sull'eco-sostenibilità e la biodiversità. Le azioni proposte sono diversificate per coinvolgere i ragazzi stimolandone la curiosità, "toccando con mano" divertendosi e, quindi, vivere appieno l'esperienza della conoscenza dei prodotti, nella ricchezza e varietà della produzione agroalimentare padovana, tenendo presente la rilevanza dell'utilizzo dei prodotti del territorio anche nel più ampio contesto di tutela dell’ambiente».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto tornando a casa, diciottenne Padovano perde la vita

  • Live - Nuovo Dpcm in arrivo nel weekend: si va verso il coprifuoco

  • Coronavirus, Crisanti: «Siamo in un mare in tempesta. Secondo lockdown? Sarebbe inutile»

  • Coronavirus, Zaia: «Stiamo iniziando a entrare nel vivo della battaglia»

  • Il miglior panettone del mondo si trova alla pasticceria Estense: Francesco Luni vince l’oro assoluto

  • «Non ho la mascherina perché non riconosco la legge italiana»: scatta la multa di 400 euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento