rotate-mobile
Attualità

Quattro giornate da leccarsi i baffi: torna "L'Europa in Prato"

Si potranno degustare i famosi waffels dal Belgio, le minicrepes olandesi, il pandolce dalla Repubblica Ceca, i churros spagnoli ma anche i classici wurstel tedeschi, la carne argentina alla griglia, la paella valenciana e catalana e molto altro

L’edizione di quest’anno sarà la 19esima, e grazie ad un calendario favorevole si snoderà attraverso ben quattro giorni (da domenica 28 aprile a mercoledì primo maggio dalle 9 alle 23.30 circa) a dimostrazione che “ciò che piace diventa tradizione”. E in effetti “L’Europa in Prato”, la manifestazione organizzata da Fiva - Federazione Italiana Venditori Ambulanti Confcommercio nazionale e da Fiva Ascom Padova, con il patrocinio del Comune di Padova, Assessorato al Commercio ed Attività produttive in collaborazione con Camera di Commercio di Padova e Venicepromex, è diventata tradizione proprio perché continua a richiamare, in Prato della Valle, una delle piazze più grandi d’Europa, centinaia di migliaia di persone.

Europa in Prato

«L’Europa in Prato - dichiara il presidente Confcommercio Ascom Padova Patrizio Bertin - è una manifestazione che ha dimostrato di essere molto attrattiva e che, sotto il profilo delle presenze, porta a Padova numeri importanti. Abbiamo notizia che gli alberghi in città, ma anche quelli della cintura e oltre sono tutti pieni. Ovviamente è il ponte del primo maggio a fare da traino, ma al turista che viene a Padova per il suo richiamo culturale, offrire anche una manifestazione di tale portata significa promuovere in modo intelligente e diversificato il nostro territorio. È questo ciò che Confcommercio Ascom Padova intende per “sinergia”: mettere assieme istituzioni, associazioni di categoria e operatori per fare di Padova una grande destinazione turistica». "L’Europa in Prato”, è una grande fiera mercato a ingresso gratuito in cui trovare street food, artigianato e prodotti tipici, con espositori provenienti da ogni parte del mondo. L’idea che anima l’evento è far incontrare gli operatori italiani ed europei con il consumatore padovano. In percentuale, nel mercato europeo, i banchi di provenienza estera costituiscono il 70%, mentre i rappresentanti delle specificità regionali italiane il rimanente 30%. Sotto il profilo merceologico si evidenzia un equilibrio tra banchi alimentari e settore non alimentare.

Ascom Padova

«Il ritorno de “L’Europa in Prato” a cavallo tra aprile e maggio - spiega il presidente Fiva Confcommercio Ascom Padova Ilario Sattin - è uno degli appuntamenti più classici ed apprezzati che Padova propone nel corso dell’anno. E ritorna in grande stile perché il numero degli operatori, circa 150, è significativo, come significative sono le presenze: un mix quanto mai vario e qualificato che porta a Padova operatori dall’Italia, dall’Europa e dal mondo. Il tutto con l’obiettivo di perpetuare l’immagine di una città che, grazie alla sua Università, è tradizionalmente aperta ai popoli».

Pranzo e cena

A “L’Europa in Prato” si potrà pranzare e cenare ed acquistare prodotti assolutamente tipici ed unici. Si potranno degustare quindi i famosi waffels dal Belgio, le minicrepes olandesi, il pandolce dalla Repubblica Ceca, i churros spagnoli ma anche i confetti di Avola e i classici wurstel tedeschi, gli arancini siciliani, la carne argentina alla griglia, la paella valenciana e catalana, le specialità gastronomiche dal Messico e dal Brasile, le specialità alimentari tipiche toscane, abruzzesi, umbre, piemontesi e pugliesi. In Prato della Valle si potrà acquistare anche oggettistica di qualità, come ceramiche, bigiotteria, gadget irlandesi, spezie dal mondo, cosmetici naturali, stampe e quadri pop-art, articoli per la bicicletta, fiori secchi e piante. Per la prima volta sarà presente anche la Scozia con i suoi kilt a rappresentare i diversi clan.

Comune di Padova

Afferma Antonio Bressa, assessore al commercio del Comune di Padova: «Grazie a questa grande manifestazione ogni anno Prato della Valle diventa un crocevia di sapori e tradizioni che attira tantissime persone. La nostra idea di città è un luogo in grado di offrire eventi a 360 gradi come accadrà durante il ponte che arriva fino al primo maggio, nel quale alle attrazioni della città d’arte si affiancherà un evento in grado di riempire e animare la nostra piazza più grande, da sempre votata ai grandi eventi del commercio. Ringrazio quindi Ascom Confcommercio Padova per l’impegno che si rinnova di anno in anno e arricchisce il calendario di eventi cittadini con questo appuntamento tanto atteso e vissuto dai padovani e non». Appuntamento quindi a Padova in Prato della Valle con “L’Europa in Prato” da domenica 28 aprile a mercoledì primo maggio per scoprire gusti, colori e tradizioni del grande mercato europeo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quattro giornate da leccarsi i baffi: torna "L'Europa in Prato"

PadovaOggi è in caricamento