Ex Vescovi: ecco il progetto di riqualificazione

Progetto di riqualificazione per restituire alla città e il fabbricato ex Vescovi, lo storico opificio realizzato alla fine degli anni ‘50 situato all’angolo tra via Vicenza e via Volturno

Uno dei rendering di come diventerà l'ex Vescovi

«E’ stata trovata una soluzione ed è a buon punto il progetto di riqualificazione per restituire alla città e ai padovani il fabbricato ex Vescovi, lo storico opificio realizzato alla fine degli anni ‘50 situato all’angolo tra via Vicenza e via Volturno – dichiara l’assessore alle Attività produttive e all'Edilizia privata, Antonio Bressa. Una bozza di convenzione condivisa dai proprietari dell’immobile e dall’Amministrazione comunale, approvata martedì dalla Giunta, ci consente di procedere con l’intervento di ristrutturazione e con il cambio d’uso del fabbricato che da artigianale diventa commerciale, in linea e nel rispetto di quanto previsto sia dal Piano degli Interventi che dalla Legge regionale per lo sviluppo commerciale nel territorio. Si tratta di un intervento che interessa un ambito limitato – precisa l’assessore - che non comporta aumento di volume o di superficie e che offre servizi alla zona riqualificando, nel contempo, un contesto molto visibile che versa in condizioni precarie. Il cambio di destinazione è strettamente legato alla natura delle attività previste all’interno dell’ex Vescovi ovvero, al piano terra, l’attività di vendita "Natura Si" che si sposta rispetto alla propria ubicazione attuale di via Vicenza e che avrà una superficie di vendita di 490mq (invece dei 600mq attuali) e l’attività di ristorazione “Pizzicotto” al primo piano con una superficie totale di 673 mq)».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«L’accordo espresso nella bozza di convenzione – sottolinea Bressa - tutela ovviamente l’interesse pubblico, che è priorità dell’Amministrazione, restituendo sia un immobile che fa parte della storia della città e che andava ristrutturato, sia garantendo dei servizi fruibili da tutti. Viene prevista infatti la realizzazione di un parcheggio interno all’area privata ma vincolato a uso pubblico e poi la sistemazione e riconfigurazione dei parcheggi pubblici esterni, oltre alla realizzazione del marciapiede con sistemazione della pista ciclabile e la formazione di una nuova aiuola verde che si andrà ad aggiungere alle due caratteristiche palme di fronte all’edificio. Tutte opere a carico della proprietà che, peraltro, è obbligata a  realizzare per poter conseguire il rilascio del titolo edilizio. Da parte nostra, dal momento che gli interventi vengono realizzati anche su spazi comunali, vigileremo sul cantiere e sulla corretta esecuzione dei lavori».

Ex Vescovi 1 foto1-2

Ex Vescovi 4 foto7-4

«La Ditta titolare dell’area ha già presentato agli uffici del Comune la richiesta finalizzata alla ristrutturazione e al cambio d’uso del fabbricato. Tecnicamente è stato considerato che, trattandosi di un intervento che porta a compimento non solo la ristrutturazione dell’ex torrefazione ma anche opere funzionali all’interesse pubblico in quanto integrano il sistema dei parcheggi in zona, migliorano aree di sosta e percorsi pedonali, per dare il via al progetto di riqualificazione può essere rilasciato un Permesso di Costruire convenzionato previsto dal Testo Unico in materia edilizia. La convenzione – chiude l’assessore – è stata discussa nella Commissione consiliare. Ora il prossimo step è il passaggio in Consiglio comunale».

Ex Vescovi 5 foto8-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il contributo di costruzione per la ristrutturazione e il cambio d’uso ammonta a: 26.854,86 euro per urbanizzazione primaria; 16.227,20 euro per urbanizzazione secondaria; 28.509,58 euro per il costo di costruzione. A fronte dei 26.854,86 euro dovuti per oneri di urbanizzazione primaria, da progetto la ditta realizzerà opere per un ammontare dei lavori di 30.831,25 euro. L’importo di 44.736,78 euro - somma di costruzione + oneri di urbanizzazione secondaria - dovrà esser versato dai proprietari all’atto del ritiro del permesso di costruire.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: primo caso di alunno positivo nel Padovano, classe e docenti in isolamento

  • Voto, ecco i dati di affluenza a mezzogiorno

  • L’amore trionfa: sistemato a tempo di record il murale di Kenny Random imbrattato nella notte

  • Kenny Random, imbrattato il murale più fotografato di Padova

  • Live - Subito una classe isolata, tamponi a tappeto e didattica a distanza

  • Focolaio all'asilo notturno del Torresino: 30 positivi al covid su 82 ospiti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento