Centri estivi nelle fattorie didattiche con il Bonus baby sitter: la gioia di Coldiretti

Chiara Bortolas: «La notizia arriva proprio in occasione della Giornata Internazionale della Famiglia, ed è un motivo in più per spronare alla ripresa le aziende agricole che offrono servizi ricreativi e di accoglienza per i più piccoli»

«La notizia arriva proprio in occasione della Giornata Internazionale della Famiglia, ed è un motivo in più per spronare alla ripresa le aziende agricole che offrono servizi ricreativi e di accoglienza per i più piccoli». È visibilmente soddisfatta Chiara Bortolas, responsabile regionale di Donne Impresa Coldiretti Veneto, per la possibilità di svolgere i centri estivi nelle fattorie didattiche sfruttando il Bonus baby sitter.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fattorie didattiche

Aggiunge Bortolas: «Molte agricoltrici sono già all’opera affiancate da una squadra di esperte di “Sphera Pedagogica” allo scopo di sperimentare nuovi metodi educativi per introdurre i bambini negli spazi aperti della campagna. Forme alternative di autocontrollo e gestione devono essere applicate secondo un protocollo sanitario, strumento indispensabile per poter operare secondo corrette disposizioni per il rispetto della sicurezza e salute di grandi e piccini». Le realtà in Veneto che offrono questo servizio sono più di 300, iscritte ad un Elenco della Regione del Veneto che disciplina anche gli aspetti formativi e di aggiornamento degli operatori. “Oltre a quanto regolamentato dall’albo - spiega Bortolas - si aggiungono le competenze maturate dalle imprenditrici agricole di Coldiretti che promuovono nelle scuole venete un progetto di Educazione alla Campagna Amica. Ogni anno sono circa 10mila gli studenti coinvolti in lezioni teorico-pratiche sia nelle aule che nei mercati agricoli o direttamente “in campo” con soggiorni, stages e vacanze verdi». Ad incoraggiare la partenza della Fase 2 c’è il contributo, previsto dal Decreto Rilancio, di 1.200 euro per la baby sitter in ogni famiglia che sarà spendibile anche per i centri estivi e per i servizi all’infanzia: un fondo in tal senso è previsto anche per i Comuni che attivano i campi per ragazzi durante l’estate. Ulteriori misure sono dedicate ai genitori per i congedi parentali. Conclude la responsabile regionale di Donne Impresa Coldiretti Veneto: «In questo contesto il contributo dell’agricoltura al benessere e qualità della vita dei cittadini trova la massima espressione nella multifunzionalità delle imprese. Abilità e competenze prettamente femminili sono poi un’ulteriore sfumatura per dare il meglio in termini di creatività».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Live - In serata morto un 47enne. Ripartenza, tornano i pranzi sui colli

  • Gravissimo incidente nella serata: un decesso e due persone ferite nello schianto

  • Coronavirus, Zaia: «Dal primo giugno non ci sarà più l'obbligo della mascherina all'aperto»

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Zaia: «Dal primo giugno via la mascherina. Si indossa solo quando serve»

  • Impatto violento tra la sua bici e un'auto: bambino di 9 anni elitrasportato d'urgenza in ospedale

Torna su
PadovaOggi è in caricamento