rotate-mobile
Attualità

Giornata dei Giusti, Giordani: «Quella di Crotone è una tragedia paragonabile ai genocidi»

Lo ha detto il sindaco durante la cerimonia dedicata alla memoria di ebrei e armeni vittime di genocidio.

Cerimonia per i Giusti del Mondo oggi 6 marzo, dedicata alla memoria di ebrei e armeni vittime di genocidio.  La celebrazione si è svolta al Giardino dei Giusti del Mondo, in via Forcellini, di fronte al viale dell’Internato Ignoto. In occasione di questa data, sono state messe a dimora delle piante e scoperte delle stele dedicate alle personalità alle quali è stato conferito il titolo di “Giusto del Mondo” nell’anno 2023. Per il genocidio ebraico: Luigi Ortis e Giuseppe Sulis, Alberica Cenci, Alberto Dalla Volta, Vittorio e Palmira Roncoli, Maria Pittarello e Sara Letizia Piras. Per il genocidio armeno: Johannes Lepsius, Karen Jeppe, Hammo Shero.

Il sindaco Giordani

«Oggi commemoriamo la giornata dei Giusti dell’Umanità in questo Giardino, che la nostra città ha istituito ancora nel lontano 2008 e che oggi, con questi otto nuovi Giusti mantiene viva la memoria di 74 donne e uomini che, in tutto il mondo, e in contesti storici diversi, hanno fatto del bene  salvando vite e difendendo i diritti umani - le parole del sindaco, Sergio Giordani - .Ognuno di noi è artefice o interprete ultimo del senso che decide di dare alla propria vita. Il senso della nostra vita dipende prima di tutto da noi. Queste donne e questi uomini che ricordiamo oggi come Giusti dell’Umanità non hanno abdicato al loro diritto di scegliere tra bene e male, tra giustizia e ingiustizia, comprendendo che se avessero scelto altrimenti non avrebbero dato un senso alla loro vita. Lo hanno fatto pur sapendo di correre dei rischi mortali, accettando di schierarsi, come avrebbe detto Bertol Brecht, dalla parte del torto, perché tutti i posti dalla parte della ragione, o almeno di quella che in quel momento sembrava la ragione, incarnata dalla dittatura e dalla violenza, erano occupati. E’ importante leggere le loro storie, perché emerge chiaro che questi Giusti, non sono quelli che oggi immaginiamo cioè degli eroi. I loro atti, le loro azioni lo possono essere stati.  Ma loro sono persone normali, come tutti noi, che la sorte, o il destino, o la provvidenza, scegliete voi quello che ritenete più giusto, ha messo di fronte a delle scelte. Le SS rastrellano gli ebrei dopo l’8 settembre e bussano alla porta di Maria e Sara Letizia Piras a Cannareggio alla ricerca di una famiglia di ebrei, e loro mentono spudoratamente. “Non ci sono più, sono partiti ieri”. Una menzogna che potrebbe costare loro la vita. Il capo curdo Hammo Shero nel 1918 davanti alle milizie ottomane che vogliono rastrellare gli armeni rifugiati nel suo territorio  risponde  senza esitazione: “Sono ospiti della montagna e per questo sacri”. Maria e Sara Letizia Piras, Hammo Shero, gli altri sei Giusti a cui dedichiamo oggi una stele e un albero così come  tutti gli altri ricordati nel nostro Giardino non  hanno girato la testa dall’altra parte, non hanno detto non mi riguarda. Non c’era nessuno con loro a sostenere la loro scelta, non c’erano vantaggi personali, né immediati nè futuri. Solo la loro coscienza,  solo il profondo confronto con il loro senso della vita. Nessuno di noi sa se si troverà mai in una situazione simile.  Ci potremmo augurare di no, perché vorrebbe dire che violenze e sopraffazione non sono più una tragica costante delle relazioni tra esseri umani. Ma purtroppo- e lo vediamo tragicamente in modo nitido anche in questi mesi-  non è così. Fare appello all’esempio di questi Giusti dell’Umanità non è vuota retorica e neppure una semplice cerimonia di ricordo. E’ invitare a fare i conti con la nostra coscienza e a interrogarci su quale è per ognuno di noi il senso della vita. La risposta  è difficile e non è scontata.  Quanto accade in questi giorni non può che farci riflettere».