«Ad Halloween state a casa, ci sarà tempo per festeggiare»: l'appello del sindaco dell'Alta

L'appello arriva da Alessandro Bolis, con la polizia municipale che effettuerà controlli in tutto il territorio con un pattugliamento serale e notturno

Il Covid allunga le mani anche sul prossimo weekend, che presenta la doppia ricorrenza dei Morti e la festa di Halloween. E Alessandro Bolis, sindaco di Carmignano di Brenta, lancia un appello: «Chiedo a tutti i bimbi, ai ragazzi e ai loro genitori di restare a casa e di evitare assembramenti per la festa di Halloween. Ci sarà tempo per festeggiare quando non sarà più necessario mantenere il distanziamento sociale e recupereremo tutte le occasioni di socialità perdute».

Carmignano di Brenta

Per evitare assembramenti e problemi di qualsiasi natura, come ogni anno la Polizia Municipale nella serata del 31 ottobre effettuerà controlli in tutto il territorio con un pattugliamento serale e notturno che inizierà dalle 18. Questo per evitare non solo gli assembramenti ma anche comportamenti non rispettosi, come il lancio di petardi e mortaretti, assolutamente vietati: sono pericolosi, disturbano il sonno di chi Halloween non vuole proprio festeggiarlo e terrorizzano gli animali. «Per quanto riguarda, invece la commemorazione dei Defunti - continua Bolis - in accordo con le Parrocchie di S. Maria Assunta e San Bernardino e in considerazione del perdurare stato di emergenza dovuto al Covid 19, le celebrazioni religiose nei Cimiteri sono sospese. Ricordo, inoltre che nei Cimiteri è obbligatorio indossare correttamente le mascherina coprendo naso e bocca, rispettare la distanza minima di un metro tra le persone e evitare l’assembramento tra persone di nuclei familiari diversi».

Politiche abitative

Confermata, inoltre, con lettera del 16 ottobre scorso inviata del presidente dell’Ancu Antonio Decaro la delega in materia di “Politiche Abitative” proprio al sindaco di Carmignano di Brenta. Un incarico che aveva già coperto e che conferma Bolis al vertice della rappresentatività nazionale dell’Amci come portavoce di tutti i Comuni d’Italia in questa delicata materia. In particolare, il Sindaco dell’Alta Padovana dovrà seguire l’evoluzione normativa e tutte le politiche pubbliche di pertinenza della materia delegata e sostenere nei tavoli deputati le proposte e le posizioni che l’Associazione dovrà di volta in volta assumere. Suo riferimento diretto il Presidente dell’Anci Decaro, supportato dal Segretario Generale e dalla struttura organizzativa competente per materia, responsabili di tutti gli aspetti tecnici ed operativi di ogni attività. Commenta il sindaco Bolis: «Ringrazio il Presidente per la gradita conferma. Mi impegno a continuare a dare un contributo concreto e a sostenere e tutelare con sempre maggiore determinazione gli interessi dei Comuni e delle Città nell’interesse generale del Paese e dei cittadini».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Ricoveri in ospedale, tutte le province venete in Fase 5 tranne Padova»

  • Femminicidio nella notte a Cadoneghe: uomo uccide la moglie a coltellate

  • «Mi sono addormentato a casa della mia ragazza»: multa di 400 euro per il fidanzato ritardatario

  • Zaia: «Ecco la nuova ordinanza. Ridotta capienza nei negozi e nei centri commerciali»

  • Il Covid si porta via a 67 anni lo storico pasticcere di Mestrino. Morto anche un giovane professore

  • Paolo Mocavero condannato, Roberto Baggio vince anche in tribunale

Torna su
PadovaOggi è in caricamento