rotate-mobile
Attualità Cittadella

Imasaf, trattativa rinviata a settembre con la garanzia del prefetto Grassi

Adesso la contrattazione sarà sospesa fino al 23 agosto, quando i lavoratori rientreranno dalle ferie, mentre il 5 settembre ci sarà un nuovo incontro sulle tematiche emerse. Intanto arretrati pagati

All’incontro di oggi 6 agosto in prefettura a Padova erano presenti il Prefetto Raffaele Grassi, il sindaco di Cittadella, le organizzazioni sindacali Fim e Fiom con la RSU dello stabilimento e anche la direzione della Imasaf, due membri del consiglio d’amministrazione accompagnati da Stefano Sancio di Assindustria Venetocentro. Durante l’incontro, durato un paio d’ore, le parti si sono confrontate sulle diverse posizioni espresse in questa vertenza e hanno convenuto di ritrovarsi il 5 settembre in azienda, per continuare la discussione a fronte della disponibilità del Prefetto di farsi mediatore e garante dell’accordo, in caso di suo raggiungimento.

I sindacati

«L’incontro di oggi è stato di carattere interlocutorio, anche se abbiamo riscontrato nuovamente quanto questo negoziato sia irto di insidie. Abbiamo espresso tutta la nostra disponibilità a proseguire il confronto con la dirigenza e ringraziamo il prefetto di essersi offerto come mediatore e garante fra le parti. Adesso la contrattazione sarà sospesa fino al 23 agosto, quando i lavoratori rientreranno dalle ferie e potremo tenere con loro un’assemblea per informarli e decidere come procedere, mentre il 5 settembre ci sarà un nuovo incontro sulle tematiche emerse. La risoluzione di questa crisi industriale, il salario e la condizione occupazionale dei lavoratori sono le priorità che come sindacato ci interessano e ci terranno impegnati in questa vertenza e saranno i capisaldi della nostra azione perché i soggetti coinvolti sono molteplici e non c’è solo il punto di vista dell’azienda»

L'azienda

Al termine dell’ incontro i rappresentati del consiglio di amministrazione Marco Bertozzi e Carlo Zanella hanno dichiarato il loro apprezzamento e ringraziamento verso il prefetto Grassi e le istituzioni presenti per il loro ruolo di intermediazione. «L’incontro ha permesso alle parti di esprimere le loro posizioni in un confronto pacato e di darsi appuntamento per continuare il confronto i primi di settembre – queste le parole di Bertozzi -  L’imprimatur ricevuto dalle istituzioni e il buon senso ci chiedono di trovare una soluzione nell’interesse dei lavoratori e dell’azienda. Il prefetto continuerà a monitorare l’ evoluzione della vertenza che auspichiamo porti a un accordo responsabile in un momento storico ed economico così difficile. Un’azienda che come tutti sanno è storica nel territorio cittadellese e che dà lavoro a tantissime famiglie». Durante l'incontro l'azienda ha dato evidenza ai sindacati e alle istituzioni di aver provveduto al pagamento degli arretrati dei fondi che ammontavano a 680 mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Imasaf, trattativa rinviata a settembre con la garanzia del prefetto Grassi

PadovaOggi è in caricamento