rotate-mobile
Attualità Curtarolo / Via Valsugana

Inaugurazione ponte di Curtarolo, l'ex presidente della provincia Bui: «Invitato solo all'ultimo»

«Ci saranno “tante comparse plaudenti” dedite al “selfie spinto”, che all’epoca non hanno mosso dito, anzi deridevano o si giravano dall’altra parte rispetto a chi si prodigava, talvolta con profondo senso di smarrimento e solitudine, a pretendere che venisse garantita la sicurezza di quella strada»

Il nuovo ponte di Curtarolo sabato 3 dicembre riaprirà al traffico qualche ora dopo l’inaugurazione che avrà luogo a mezzogiorno, alla presenza del governatore del Veneto Zaia. Nel pomeriggio riaprirà una corsia, la settimana successiva anche l'altra. Il ponte pesa circa 500 tonnellate. 

Amarezza

L'ex presidente della Provincia, Fabio Bui, si è detto molto dispiaciuto di essere stato invitato solo all'ultimo minuto. Le sue parole sono inequivocabili: Forma e sostanza talvolta non si incontrano. Ho ricevuto solo nella tarda serata di giovedì 1 dicembre l’invito a partecipare alla inaugurazione del ponte sul fiume Brenta a Curtarolo, prevista per sabato mattina. Si direbbe: “meglio tardi che mai”. Ho partecipato alla vita delle Istituzioni locali un sufficiente numero di anni per comprendere che questi eventi non si organizzano due giorni prima e l’aver salvato la forma non garantisce parimenti la sostanza sull’ interesse verso chi si preferisce che partecipi o meno. Sono comunque contento che oggi l’opera venga inaugurata e garantita così, la sicurezza di quel ponte. Sarà la “storia vera” di quei mesi a ricordare e riconoscere volti e nomi di coloro che hanno contribuito al risultato», ha sottolineato con un po' di amarezza.

Attacco

Poi però l'attacco: «Ci saranno “ tante comparse plaudenti” dedite al “selfie spinto”, che all’epoca non hanno mosso dito, anzi deridevano o si giravano dall’ altra parte rispetto a chi si prodigava, talvolta con profondo senso di smarrimento e solitudine, a pretendere che venisse garantita la sicurezza di quella strada che di provinciale ha solo il nome ma che di fatto ha valenza nazionale e internazionale».

Viabilità

Bui poi aggiunge: «Oggi poco senso ha togliersi i sassolini dalle scarpe: serviranno eventualmente quando qualcuno ci vorrà finalmente dire cosa e quando intende fare, per mettere al centro dell’agenda politica la necessità della nuova Valsugana e del raddoppio della SR 308. Il nuovo ponte di Curtarolo non risolverà da solo i problemi della grande viabilità della Provincia di Padova, ma serviranno i nuovi collegamenti viari a garantire competitività e sviluppo a questo territorio Da parte mia soddisfazione per il risultato raggiunto, che non è il risultato di un singolo (come invece lo era là responsabilità penale se fosse successo qualcosa) ma di un insieme di persone e istituzioni che hanno saputo confrontarsi, capirsi e fare».

Ponte Curtarolo abbattimento-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inaugurazione ponte di Curtarolo, l'ex presidente della provincia Bui: «Invitato solo all'ultimo»

PadovaOggi è in caricamento