«Il picco più alto degli ultimi anni»: influenza-boom, il massimo stagionale è alle porte

Stando agli esperti della Direzione Prevenzione della Regione Veneto, che ha pubblicato il sesto report: la fascia maggiormente colpita è quella dei bambini da 0 a 4 anni, che registrano uno dei valori più elevati delle passate stagioni

Forte incremento. Ma il picco deve ancora arrivare: la Direzione Prevenzione della Regione del Veneto ha pubblicato l’ultimo aggiornamento sull’andamento dell’influenza, e nell’ultima settimana monitorata ed elaborata (21-27 gennaio) è stato raggiunto un tasso di 11,01 casi per 1.000 residenti. Si può quindi stimare in 54mila, per questa settimana, i soggetti colpiti da influenza e complessivamente 191.250 i veneti ammalati da inizio stagione.

«Picco tra i più alti degli ultimi anni»

Gli esperti della Regione avvisano: «Nelle prossime settimane sarà possibile capire l’intensità complessiva di questa stagione influenzale: dalle informazioni attualmente disponibili e sulla base delle stagioni passate, si può ipotizzare che il massimo stagionale lo si registrerà verso l’inizio di febbraio, in ogni caso si può prevedere che il picco sarà tra i più alti degli ultimi anni». Aggiunge Manuela Lanzarin, assessore alla sanità: «Si tratta di una situazione che il sistema sanitario veneto fronteggia con un’organizzazione ormai collaudata e che è in grado di rispondere con efficacia a tutte le necessità delle persone, a cominciare dalla capacità di assorbire, con la professionalità dei sanitari e un’organizzazione il più elastica possibile, il pur forte aumento degli accessi ai Pronto Soccorso».

I bambini i più colpiti

Il Rapporto della Direzione Prevenzione indica che l’età maggiormente colpita è la fascia di bambini tra gli 0 ed i 4 anni, che con un’incidenza di 44,47 casi per 1.000 residenti registrano un valore superiore al massimo dello scorso anno ed uno dei più elevati delle passate stagioni.

Decessi e complicanze

Continua la sorveglianza delle forme gravi e complicate di influenza. Ad oggi sono pervenute 26 segnalazioni di complicanze legate all’influenza conformi alla definizione delle circolare ministeriale. Tra queste, sono stati segnalati 5 decessi correlati con infezione da virus influenzale, in quattro soggetti anziani con patologie pregresse ed in un adolescente, per tre di questi la tipizzazione del virus ha portato all’identificazione del ceppo A H3N2 e per due l’A H1N1. I decessi sono stati notificati dalle Aziende Ulss Euganea (3), Marca Trevigiana (1) e Scaligera (1). Complessivamente, i ventisei casi sono stati segnalati dall’Azienda Ulss Euganea (11), Marca Trevigiana (5) Serenissima (3), Scaligera (3), Polesana (2) e Dolomiti (2)7.

Come ogni anno, anche per la stagione  2018-2019 è attiva la sorveglianza delle forme gravi e complicate di influenza. Ad oggi sono pervenute 26 segnalazioni di complicanze legate all’influenza conformi alla definizione delle circolare ministeriale. Tra queste, sono stati segnalati 5 decessi correlati con infezione da virus influenzale, in quattro soggetti anziani con patologie pregresse ed in un adolescente, per tre di questi la tipizzazione del virus ha portato all’identificazione del ceppo A H3N2 e per due l’A H1N1. I decessi sono stati notificati dalle Aziende Ulss Euganea (3), Marca Trevigiana (1) e Scaligera (1). Complessivamente, i ventisei casi sono stati segnalati dall’Azienda Ulss Euganea (11), Marca Trevigiana (5) Serenissima (3), Scaligera (3),  Polesana (2) e Dolomiti (2), sono stati ricoverati quasi tutti in terapia intensiva e la maggior parti di essi presentava patologie pregresse. Diciotto hanno sviluppato una sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS) e sette una grave insufficienza respiratoria acuta (SARI), un caso di miocardite. Per diciassette casi il ceppo virologico identificato è stato l’A H1N1 e per quattro l’A H3N2 e per i restanti cinque il ceppo A ancora in fase di sottotipizzazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Mi sono addormentato a casa della mia ragazza»: multa di 400 euro per il fidanzato ritardatario

  • Paolo Mocavero condannato, Roberto Baggio vince anche in tribunale

  • Il Covid si porta via a 67 anni lo storico pasticcere di Mestrino. Morto anche un giovane professore

  • Perde il controllo della bicicletta e viene travolto da un'auto: morto ciclista padovano

  • Incendio in un'abitazione a Padova: residente in ospedale con ustioni e problemi respiratori

  • «Bisogna rinviare il divieto di circolazione dei diesel Euro 4»: l'assessore scrive al ministro

Torna su
PadovaOggi è in caricamento