Lo Iov confermato Istituto di Ricerca e Cura a Carattere Scientifico: l'importante riconoscimento

Anche l'ospedale di Schiavonia assume da oggi tale qualifica: gli Irccs sono strutture di eccellenza che perseguono finalità di ricerca nel campo biomedico e in quello dell'organizzazione e gestione dei servizi sanitari ed effettuano prestazioni di ricovero e cura di alta specialità o svolgono altre attività aventi i caratteri di eccellenza

L'Istituto Oncologico Veneto

Le sedi destinate alle cure oncologiche negli ospedali di Schiavonia (Padova) e Castelfranco Veneto (Treviso) hanno ufficialmente da oggi la qualifica di IRCCS (Istituto di Ricerca e Cura a Carattere Scientifico): il riconoscimento è contenuto nella Gazzetta Ufficiale datata 24 aprile 2020, recante un decreto del Ministro della Salute dal titolo “Conferma ed estensione del carattere scientifico nella disciplina di oncologia dell’IRCCS Istituto Oncologico Veneto di Padova”.

Il riconoscimento

Gli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS) sono ospedali di eccellenza che perseguono finalità di ricerca, prevalentemente clinica e traslazionale, nel campo biomedico ed in quello della organizzazione e gestione dei servizi sanitari ed effettuano prestazioni di ricovero e cura di alta specialità o svolgono altre attività aventi i caratteri di eccellenza. Ad oggi sono stati riconosciuti 51 IRCCS, di cui 21 pubblici e 30 privati. La conferma del carattere di IRCCS per l’Istituto giunge al termine di un lungo percorso analitico e documentale, durante il quale è stata svolta una completa verifica della qualità della cura e dei servizi offerti ai pazienti, nonché della qualità ed efficacia della ricerca e dell’organizzazione complessiva dello IOV (ad oggi unico IRCCS pubblico sul territorio regionale). Il 12 aprile 2019 lo IOV ha trasmesso al Ministero la documentazione necessaria ai fini della conferma del riconoscimento quale Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico per la disciplina «oncologia», con sedi in Padova, via Gattamelata 64, sede legale e per l’estensione del riconoscimento alle neo sedi operative collocate presso gli Ospedali riuniti di Padova Sud di Schiavonia e presso l’Ospedale di Castelfranco Veneto. Il riconoscimento è stato accompagnato da una nota ufficiale stesa dalla Commissione di esperti ministeriali che hanno svolto la site-visit (avvenuta lo scorso 7 e 8 ottobre) per verificare di persona il modello organizzativo e tutte le documentazioni presentate dallo IOV ivi comprese le future progettualità. I grandi capitoli che vengono analizzati dal Ministero per il riconoscimento e la conferma degli IRCCS sono: economicità ed efficienza dell’organizzazione; qualità delle strutture e livello tecnologico delle attrezzature; criteri di eccellenza del livello di attività e di ricovero e di cura.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Manuela Lanzarin

Manuela Lanzarin, assessore regionale alla sanità, commenta soddisfatta: «Una bella notizia e un riconoscimento meritato sia per la storica eccellenza dello IOV, sia per l’ingresso di due realtà significative della sanità veneta come gli ospedali di Schiavonia e Castelfranco, dove le attività legate allo IOV stanno portando nuova linfa scientifica e una indiscutibile crescita di caratura nel sistema oncologico nazionale e nella Rete Oncologica Regionale. In questo campo sia a Schiavonia che a Castelfranco sono stati fatti significativi progressi in termini di servizi e cure, e altri ne verranno con il lavoro nel tempo. Questa scelta del Ministero è anche il riconoscimento della validità della programmazione scelta dalla Regione sul piano dell’organizzazione della lotta al tumore: diffondere le eccellenze su tutto il territorio, costruendo una rete sempre più capillare di eccellenza diffusa sul territorio. La miglior risposta anche a chi, e non furono pochi, pur di polemizzare arrivò a sostenere che l’arrivo di una sede distaccata dello IOV avrebbe impoverito i servizi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Formaggi a Villa Contarini, giardini aperti, visite, spettacoli e sagre: il weekend a Padova

  • Focolaio all'asilo notturno del Torresino: 30 positivi al covid su 82 ospiti

  • Occhio al semaforo: attivata la sperimentazione di un nuovo T-Red a Padova

  • Perde il controllo della sua barca dopo un'onda anomala: muore idraulico padovano

  • Focolaio del Torresino: una persona positiva tenta la fuga, le forze dell'ordine lo bloccano (Video)

  • Clienti nel magazzino per sniffare cocaina tra una portata e l'altra: ristoratore in manette

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento