Tre milioni di euro per interventi di valorizzazione a Villa Contarini: lo stanziamento

La Giunta regionale ha definito uno stanziamento di 3 milioni di euro per eseguire lavori di riqualificazione e messa in sicurezza della splendida villa di Piazzola sul Brenta

Villa Contarini a Piazzola sul Brenta

La Giunta regionale, su proposta del vicepresidente e assessore al patrimonio Gianluca Forcolin di concerto con il collega alla cultura Cristiano Corazzari, facendo seguito ad una specifica variazione di bilancio ha approvato le modalità per dare attuazione ad ulteriori interventi di valorizzazione di due complessi architettonici di grande pregio, importanza storica e rilievo culturale turistico e di proprietà della Regione del Veneto: Villa Contarini a Piazzola sul Brenta (Padova) e Villa Pepoli di Trecenta (Rovigo), detto il Palazzon.

Villa Contarini

Nella prima si proseguono i lavori di riqualificazione e messa in sicurezza, definendo uno stanziamento di 3 milioni di euro. La seconda, con la destinazione di 500.000 euro, sarà oggetto di alcuni indispensabili necessari interventi conservativi. A tale fine è stato approvato uno schema operativo di accordo con il Mibact, nell’ambito del piano “Cultura e Turismo”, a valere sul “Fondo Sviluppo e Coesione (Fsc) 2014-2020”. Sottolinea il vicepresidente Forcolin: «La storia di Venezia e del Veneto, la sua immagine e la sua fama nel mondo sono strettamente connesse alla civiltà delle ville venete. Villa Contarini di Piazzola e Villa Pepoli di Trecenta sono esempi eccezionali di questo patrimonio. In questi giorni di difficile ripresa dall’emergenza Coronavirus, investire su questi beni, che rappresentano le radici più profonde della nostra cultura, significa tramandare alle generazioni future le testimonianze più autentiche dalla tradizione veneta, pensando al futuro della nostra terra e alle potenzialità del suo indotto turistico, guardando con fiducia alla prossima ripresa delle attività economiche e produttive Per quanto riguarda villa Contarini, una vera reggia conosciuta in tutto il mondo dal 2016 a oggi sono stati complessivamente già impegnati oltre 6 milioni di euro. Sono stati ultimati i lavori di consolidamento delle coperture e di recupero delle ex scuderie in funzione della fruizione pubblica di una superficie di circa 900 metri quadrati. La messa in sicurezza, e ulteriore la dotazione impiantistica, sono essenziali per rendere fruibili ulteriori spazi espositivi e sale da destinare alla convegnistica. Grazie al contributo dell'Istituto Regionale per le Ville Venete, peraltro, non sono in fase di completamento il restauro architettonico dei prospetti secondari, quello di alcune sale interne e degli infissi».

Il commento

Aggiunge l'assessore Corazzari: «Villa Pepoli è divenuta inagibile dopo il sisma del 2012. Sono stati subito affrontati alcuni interventi improcrastinabili, ma ora lo schema operativo ci offre la possibilità di proseguire con le opere urgenti che necessita. Come per quanto sta venendo fatto per Villa Contarini, tutto è pensato nell’ottica del potenziamento dell’offerta culturale del territorio e dei sistemi di fruizione turistica. Per questo scopo, infatti, è strategica la riqualificazione del patrimonio esistente mediante interventi di tutela e la conseguente valorizzazione e messa in rete».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Il Veneto ha nelle ville venete una delle forme storicamente più famose e apprezzate della sua identità storica - conclude Corazzari -. L’attenzione verso due complessi monumentali così importanti e di richiamo, per bellezza architettonica artistica ma anche per collocazione geografica, anche in questo momento di difficoltà legate alla lotta al Covid 19, sono segno di una grande attenzione all’espressione della cultura nella nostra regione. Un vero tesoro, grazie al quale non solo il Veneto può trovare uno dei motori della ripresa economica ma anche un vero riferimento ad uscire dalla difficoltà e dalla gravità del momento”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: primo caso di alunno positivo nel Padovano, classe e docenti in isolamento

  • Voto, ecco i dati di affluenza a mezzogiorno

  • L’amore trionfa: sistemato a tempo di record il murale di Kenny Random imbrattato nella notte

  • Kenny Random, imbrattato il murale più fotografato di Padova

  • Live - Subito una classe isolata, tamponi a tappeto e didattica a distanza

  • È vero che i farmaci generici sono uguali a quelli di marca?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento