Mastio di Monselice, autorizzato l'avvio dei lavori di manutenzione e messa in sicurezza

Spiega l'assessore Forcolin: «I lavori, ormai, sono di prossima realizzazione e saranno accompagnati dalla posa in opera di un nuovo e sicuro accesso temporaneo, in modo che già a partire dalla prossima stagione turistica sarà possibile accedere al Mastio»

Il Mastio Federiciano di Monselice

La Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio ha espresso l’autorizzazione all’avvio dei lavori di manutenzione e messa in sicurezza del Mastio Federiciano di Monselice (Padova).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I lavori

Con l’apertura del cantiere, l’edificio storico di proprietà Regionale sarà protagonista di un intervento articolato di valorizzazione e riqualificazione, comprendente anche la realizzazione di una nuova scala d’accesso, in sostituzione di quella provvisoria preesistente. Quest’ultima, infatti, è stata rimossa contestualmente ai lavori di sondaggio archeologico, consegnati nel settembre scorso. Sottolinea Gianluca Forcolin, vicepresidente regionale e assessore al patrimonio: «I lavori, ormai, sono di prossima realizzazione e saranno accompagnati dalla posa in opera di un nuovo e sicuro accesso temporaneo, in modo che già a partire dalla prossima stagione turistica sarà possibile accedere al Mastio. Con l’avvio di queste opere, l’Amministrazione regionale conferma con un’ulteriore e concreta azione, l’impegno già profuso in questi anni per la valorizzazione dell’eccezionale patrimonio monselicense. Il Mastio, infatti, è una straordinaria testimonianza di un millennio di storia, civiltà e cultura veneta. La Soprintendenza ha condiviso la localizzazione della nuova scala sul lato ovest del Mastio, in quanto, a seguito dei recenti sondaggi archeologici condotti a cura della Regione, non si conservano in tale sito preesistenze murarie, né contesti funerari di rilievo. Al tempo stesso ha ritenuto necessario addivenire ad un progetto di fattibilità condiviso, in cui l’accesso permanente alla porta sopraelevata della Rocca sia rapportato e in sintonia con una più ampia fruibilità del compendio, articolato nella salita delle sette Chiese, di Villa Duodo e dell’intero Colle. La Regione - conclude Forcolin - conferma l’intenzione di andare avanti nell’ottica di valorizzare l’antico complesso. Auspico che si possa raggiungere l’elaborazione di un programma strategico di più ampio respiro che, in accordo con la Soprintendenza e con l’Amministrazione Comunale, approfondisca e risolva in modo integrato e condiviso il tema della accessibilità alla sommità del colle. Per la sua storia e la sua rilevanza, il contesto lo merita».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: primo caso di alunno positivo nel Padovano, classe e docenti in isolamento

  • Voto, ecco i dati di affluenza a mezzogiorno

  • L’amore trionfa: sistemato a tempo di record il murale di Kenny Random imbrattato nella notte

  • Kenny Random, imbrattato il murale più fotografato di Padova

  • Live - Subito una classe isolata, tamponi a tappeto e didattica a distanza

  • È vero che i farmaci generici sono uguali a quelli di marca?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento