rotate-mobile
Venerdì, 19 Aprile 2024
Attualità

Per M'illumino di meno la Provincia pianta una piccola oasi di alberi

Gli alberi andranno a creare una piccola oasi verde, un pezzetto del bosco diffuso del progetto “Un Alberto per il Futuro” dell’Arma dei carabinieri e verranno piantati in un terreno di proprietà della Provincia

La Provincia di Padova ha scelto di aderire all’edizione 2022 di M’Illumino di Meno realizzando un evento che lasci un segnale tangibile e concreto, grazie al coinvolgimento di soggetti pubblici e partner privati, trasformando la partecipazione dei singoli in una partecipazione collegiale, più significativa e più sostenibile. 

L'evento

"M’illumino di Meno 2022 Provincia&friends" ha avuto luogo a quasi 100 metri da terra, in T20th, la splendida terrazza panoramica con vista sulla città di Padova di proprietà di Eniac SpA SB. All’interno del giardino si è svolta la cerimonia di donazione di 20 alberi al MovieChorus che è il primo ed unico coro italiano interamente ecosostenibile. Moviechorus, al termine di ogni anno di corso, provvede alla compensazione delle CO2 emesse durante le attività svolte attraverso la piantumazione di alberi. Nel calcolo delle emissioni di CO2 vengono considerate anche le risorse energetiche consumate durante le lezioni di canto e i concerti, dai mezzi di trasporto utilizzati e dalle forme di comunicazione adottate. Le piante in questione sono alberi da frutto in via di estinzione e sono state donate dalla Pegoraro srl agente del Gruppo Zurich. Gli alberi andranno a creare una piccola oasi verde, un pezzetto del bosco diffuso del progetto “Un Alberto per il Futuro” dell’Arma dei carabinieri e verranno piantati in un terreno di proprietà della Provincia che sostiene e promuove stili di vita ecologici attraverso campagne di sensibilizzazione e rinnovando l’adesione a M’illumino di Meno. «Trovo che la realizzazione di questo piccolo bosco sia in linea con il progetto promosso dall’Arma e rappresenta i nostri obiettivi principali che mi piace sintetizzare con le parole “cura” e “attesa” – ha affermato il colonnello Luigi Manzini, comandate provinciale dei carabinieri di Padova – Cura perché queste piante sono “i nostri alberi” e saremo responsabili della loro crescita e, quindi, dell’ambiente così come noi Carabinieri abbiamo cura delle persone e delle comunità; “attesa” perché i frutti per essere maturi hanno bisogno di tempo e questo ci aiuterà a prendere consapevolezza che a ogni progetto serve tempo per compiersi, e noi appartenenti all’Arma dei carabinieri sappiamo bene che il seme di senso civico che poniamo oggi nei cuori dei bambini durante gli incontri a scuola contribuirà in futuro renderli adulti consapevoli». Il presidente della Provincia accompagnato dal vicepresidente Vincenzo Gottardo e da un piccolo gruppo di carabinieri, dopo aver spento le luci nelle sedi della Provincia e del Comando provinciale dell’Arma, hanno raggiunto T20th in biciletta, pedalando per circa 3 km. «M’illumino di Meno di quest’anno è stata una esperienza bellissima – ha detto il presidente Fabio Bui - perché condivisa con molti amici che hanno accolto immediatamente l’invito a partecipare a questa sfida in cui i vincitori sono l’ambiente e la sostenibilità, a vantaggio di tutti. La Provincia di Padova, consapevole dell’importanza della tutela dell’ambiente, promuove e sostiene azioni per la produzione di energia pulita come l’installazione di pannelli solari da tempo presenti nella sede di piazza Bardella».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Per M'illumino di meno la Provincia pianta una piccola oasi di alberi

PadovaOggi è in caricamento