menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La "Madonna dell'acqua lurida"

La "Madonna dell'acqua lurida"

La "Madonna dell'acqua lurida", il presepe come simbolo contro l'inquinamento

Si chiama il "presepe dei veleni" ed è opera dello scultore e pittore Federico Soffiato. Una installazione che verrà esposta fino al 6 gennaio con la scultura della "Madonna dell'acqua lurida", presso l'Osteria San Leonardo

Presso l'osteria San Leonardo, in via San Pietro 47, c’è un presepe tutto particolare. Si chiama il "presepe dei veleni" ed è opera dello scultore e pittore Federico Soffiato. Una installazione che verrà esposta fino al 6 gennaio con la scultura della "Madonna dell'acqua lurida", che è la protagonista vera dell'iniziativa presentata nel locale del vulcanico imprenditore, Federico "Chicco" Contin. Tutte le sue iniziative da dopo la tempesta Vaia ad oggi hanno sempre più una connotazione ambientalista.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Avvolta nella plastica è riprodotta anche all'esterno del locale, mentre all'interno invece domina il presepio, che ha come tema la denuncia dell'inquinamento globale. Ai peidi della "Madonna dell'acqua lurida", che tiene tappato il naso del neonato Gesù per non fargli sentire il cattivo odore dato dall'inquinamento. Una iniziativa che vuole coinvolgere altri artisti Patavini che infatti sono stati invitati a portare una propria piccola opera rappresentativa sul tema dell'inquinamento, il 6 gennaio verrà fatta un asta ed il totale della gara verrà devoluto all'associazione Mare Pulito di Nino Gobetti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Superenalotto: vincite a Noventa Padovana e a Este

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento