rotate-mobile
Lunedì, 27 Giugno 2022
GUERRA IN UCRAINA

Il sit-in contro la guerra in Ucraina si trasforma in corteo, manifestanti denunciati

Circa 200 persone hanno violato le direttive della Prefettura e da piazza Antenore hanno "passeggiato" tra le piazze strapiene del sabato pomeriggio

Manifestano contro la guerra, ma verranno denunciati per non aver rispettato le direttive di Questura e Prefettura. Oggi pomeriggio circa 200 persone appartenenti al centro sociale Pedro, Global Project e Adl Cobas sono scese in piazza per mostrare il loro dissenso sia nei confronti del presidente russo Vladimir Putin che della Nato («nè con Putin nè con la Nato» il loro urlo). Avevano l'autorizzazione per un sit-in in piazza Antenore, ma poi gli organizzatori hanno deciso di improvvisare un corteo, camminando per il Listòn, le piazze e poi tornando indietro. Il questore Antonio Sbordone non aveva autorizzato spostamenti, anche in base alle ultime decisioni del Cosp e del prefetto Raffaele Grassi che non prevede cortei in centro storico fino al 31 marzo, quando scadrà l'emergenza sanitaria (il divieto proseguirà comunque nei weekend). Per questo motivo gli organizzatori saranno denunciati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il sit-in contro la guerra in Ucraina si trasforma in corteo, manifestanti denunciati

PadovaOggi è in caricamento