“Butta qui le mascherine usate”: all'esterno di 111 scuole di Padova spuntano gli appositi "cestini"

AcegasApsAmga e Comune, in accordo con gli Istituti scolastici della città, ha attivato una campagna di sensibilizzazione che prevede la dotazione a tutte le scuole coinvolte di un apposito kit, per educare e stimolare il senso di responsabilità tra i più giovani verso il corretto conferimento delle mascherine usate

I nuovi cestini per la raccolta delle mascherine usate

È suonata la campanella per le scuole di Padova e il ritorno sui banchi degli studenti, accompagnato dall’uso della mascherina, viene supportato da una speciale iniziativa di coinvolgimento. AcegasApsAmga e Comune, in accordo con gli Istituti scolastici della città, ha attivato una campagna di sensibilizzazione che prevede la dotazione a tutte le scuole coinvolte di un apposito kit, per educare e stimolare il senso di responsabilità tra i più giovani verso il corretto conferimento delle mascherine usate.

111 scuole coinvolte

Con il claim “Butta qui le mascherine usate” abbinato alla simpatica emoticon del volto di un bambino che indossa la mascherina, l’obiettivo della campagna è duplice. Oltre a ricordare che le mascherine usate non devono essere gettate a terra, si vuole garantire che tali presidi, potenzialmente contaminati, vadano conferiti correttamente tra i rifiuti indifferenziati. Alla luce del fondamentale ruolo educativo che la scuola riveste per la costruzione di un futuro più sostenibile, l’iniziativa rappresenta un’azione di collaborazione importante che vuole stimolare il senso di responsabilità per la salute e per l’ambiente e quelle buone pratiche di gestione dei dispositivi di protezione, che ormai da mesi accompagnano la vita di tutti. Il progetto andrà a coinvolgere un totale di 111 scuole del territorio padovano, suddivise tra primarie, secondarie di primo e di secondo grado.

Foto_Campagna_Scuole-2

Il kit

Come detto, la campagna comprenderà uno speciale kit distribuito a ogni scuola, costituito da tre contenitori per il rifiuto secco non riciclabile e speciali adesivi per renderli più visibili e attirare i ragazzi sulla necessità di tenere un comportamento sempre responsabile. I contenitori saranno installati nei punti strategici dei locali scolastici, per agevolare gli studenti al conferimento.

Tutela della salute e dell’ambiente

Secondo il WWF, se anche solo un ragazzo per classe disperdesse volontariamente o accidentalmente la propria mascherina, ogni giorno verrebbero rilasciate in natura oltre 1,4 tonnellate di plastica: è come se venissero abbandonate ogni giorno dell’anno scolastico 100mila bottigliette di plastica. Per questo, la campagna lanciata da AcegasApsAmga, Comune e scuole padovane nasce per diffondere comportamenti responsabili e promuovere una cultura di sostenibilità. Con il rapido e progressivo impiego di tali presidi, negli scorsi mesi hanno cominciato a verificarsi anche fenomeni di abbandono a terra delle mascherine usate. Il fenomeno non costituisce solo un problema ambientale e di decoro, ma anche sanitario, dal momento che tali oggetti potrebbero, potenzialmente, essere contaminati. Garantire, quindi, all’interno dei luoghi scolastici, un corretto sistema di raccolta di tali presidi, rappresenta un importante obiettivo di tutela della salute e dell’ambiente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strade insanguinate: perde il controllo dell'auto sui Colli, muore noto barista di 31 anni

  • Tragedia nel pomeriggio: auto esce di strada, morto un 19enne e grave un coetaneo

  • Malore improvviso: è mancato nella notte il Primo Dirigente Medico della Polizia di Stato, Massimo Puglisi

  • Si schianta con un ultraleggero nella Bassa: morto il pilota 52enne

  • Femminicidio di Cadoneghe: la denuncia e i retroscena di un delitto "annunciato"

  • Università di Padova, Antonella Muraro e Stefano Piccolo al top della ricerca mondiale

Torna su
PadovaOggi è in caricamento