Mercati all'aperto, scatta la nuova organizzazione: percorsi obbligati e controlli

A Padova i mercati sono sottoposti al nuovo piano sicurezza in base alle direttive regionali. Giordani e Bressa: «Nonostante i tempi risicati, tutto funziona anche grazie ai padovani»

Da lunedì mattina anche a Padova i mercati all'aperto sono stati riorganizzati secondo le norme più stringenti imposte nei giorni scorsi dal governatore del Veneto Luca Zaia. Perimetri con transenne, percorsi obbligati, banchi distanziati e vigilanza attiva per mantenere le distanze di sicurezza ed evitare assembramenti sono le misure adottate insieme all'obbligo di guanti e mascherine per clienti e venditori.

Giordani: la macchina organizzativa funziona grazie ai cittadini

Ciascuna amministrazione comunale è stata chiamata a diramare apposite ordinanze per tutti i mercati cittadini e rionali. Nel capoluogo le novità hanno interessato in particolare quelli di piazza delle Erbe e Prato della Valle. Lunedì mattina sono cominciati i lavori di perimetrazione e nella piazza ai piedi del Salore si sono presentati anche il sindaco Sergio Giordani e l'assessore al commercio Antonio Bressa. «Non posso che ringraziare gli assessori, la polizia locale e tutti coloro che hanno contribuito a rendere perfetta la nostra organizzazione - ha spiegato il primo cittadino - Nulla è stato lasciato al caso e per questo domenica si è lavorato bene in Prato come oggi avviene in piazza delle Erbe. É importante che i mercati all'aperto restino attivi per scongiurare il sovraffollamento dei supermercati, nonché per limitare lo stravolgimento delle abitudini dei cittadini». Il sindaco lancia anche un messaggio ai padovani: «So che è durissima, non siamo abituati a vivere così ma è necessario: dobbiamo stare a casa. Abbiamo una grande sanità, ce la stiamo cavando bene, e ciò avviene anche perché le persone sono coscienziose e rispettano le regole».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A spiegare le misure adottate in piazza è l'assessore Antonio Bressa: «Abbiamo realizzato un percorso obbligato con ingresso e uscita accanto alla fontana che si dirama attraverso un tracciato preciso con i banchi appositamente distanziati. All'imbocco la Protezione civile consegna guanti e mascherine a chi non li dovesse possedere poiché sono obbligatori per i clienti e gli ambulanti. Il personale di Aps invece fa in modo di evitare gli assembramenti. Il Servizio manutenzioni comunale ogni mattina dispone le transenne e nei mercati rionali è presente anche il personale del Maap. L'organizzazione è stata capillare nonostante i tempi repentini con cui abbiamo dovuto mettere a punto il piano sicurezza per i mercati».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Padovani promossi

L'assessore fa anche un invito ai cittadini: «I mercati restano aperti ma altrettanto resta valida la raccomandazione di uscire il meno possibile e fare spesa per più giorni». Bressa interviene anche in merito alla scelta di Zaia di voler chiudere i mercati, poi rimodulata nell'obbligo di gestirli con criteri ad hoc: «Zaia sapeva che non avrebbe potuto far chiudere tutto da un giorno all'altro in modo arbitrario. La responsabilità è ricaduta tutta sul Comune ma siamo riusciti a organizzarci senza intoppi e la Regione non può obiettare. É evidente come a Padova le regole vengano rispettate grazie al grande senso civico dei cittadini a cui va un plauso. Qualche eccezione in negativo c'è, ma vengono prontamente affrontate perciò evitiamo di additare ingiustamente. Il controllo è costante».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: primo caso di alunno positivo nel Padovano, classe e docenti in isolamento

  • Voto, ecco i dati di affluenza a mezzogiorno

  • L’amore trionfa: sistemato a tempo di record il murale di Kenny Random imbrattato nella notte

  • Kenny Random, imbrattato il murale più fotografato di Padova

  • Focolaio all'asilo notturno del Torresino: 30 positivi al covid su 82 ospiti

  • Live - Subito una classe isolata, tamponi a tappeto e didattica a distanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento