Attualità

Sfilano un migliaio di No Green Pass, spunta Forza Nuova e monta la rabbia dei commercianti

Cambiato il percorso ma non il risultato: i negozianti chiedono di vietarle e nel frattempo sul corteo arriva il marchio dei neofascisti

La manifestazione di oggi

Anche oggi 11 settembre circa 1000 manifestanti contrari al Green Pass (e molti di loro anche al vaccino) hanno sfilato per il centro storico per esprimere il loro dissenso nei confronti dei provvedimenti del Governo. Stavolta però hanno dovuto cambiare percorso, obbligati dalla Questura dopo le proteste dei commercianti di via Roma. Sono partiti comunque da piazza Duomo, attraversando le piazze del centro verso Piazza Eremitani, dove poi si è concluso il corteo, anziché chiuderlo come da tradizione ormai in Prato della Valle. Alla manifestazione si è presentato anche un manipolo di esponenti di Forza Nuova, prontamento fatto scalare in fondo al corteo dalla polizia. Il marchio però c'è e rimane. Anche se in coda.

I commercianti

L'ottavo corteo in centro negli ultimi due mesi (ogni sabato da luglio) ha fatto però infuriare i commercianti, che ora chiedono a Prefetto e Questore di fermarli: «Basta. Ora siamo pronti ad una serrata in caso di una nona manifestazione» le parole dei commercianti di piazza Duomo, via Manin, piazze e via Dante, capitanate dal presidente di Acc, Massimiliano Pellizzari «per questo abbiamo chiesto un incontro al Questore e al Prefetto, perché pretendiamo che queste manifestazioni non siano più autorizzate. Non ce l'abbiamo con i No Green Pass, perché ognuno è libero di avere le proprie idee, ma non possiamo più sopportare di vedere cortei e manifestazioni ogni sabato e negli orari in cui lavoriamo di più. Il cambio del percorso è una presa in giro, perché invece di passare da una strada passano per la parallela, ma sempre da piazza Duomo partono e sempre per le vie del centro passano».


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sfilano un migliaio di No Green Pass, spunta Forza Nuova e monta la rabbia dei commercianti

PadovaOggi è in caricamento