Ora brilla ancor di più: nuova illuminazione per la Basilica di Sant'Antonio

Grazie al progetto di riqualificazione che ha visto la collaborazione di Hera Luce, Comune di Padova e Arpav, la Basilica di Sant’Antonio si mostra oggi con una nuova illuminazione che valorizza l’architettura dell’edificio, risparmiando il 64% di energia e abbattendo l’inquinamento luminoso.

La Basilica di Sant'Antonio in tutto il suo splendore (foto Videoe20)

La Basilica di Sant’Antonio di Padova brilla di luce nuova. Il luogo di culto simbolo della città si mostra in una nuova veste completamente sostenibile, grazie al progetto di riqualificazione dell’illuminazione che ha visto la preziosa collaborazione di Comune di Padova, Arpav e Hera Luce.

L'intervento

Un intervento molto importante dal punto di vista della sostenibilità ambientale, che ha permesso l’ammodernamento dell’intero impianto di illuminazione della Basilica. I nuovi fari a LED, infatti, porteranno ad un risparmio energetico del 63% e all’abbattimento delle emissioni di CO2 di 7,5 tonnellate all’anno, oltre che un decisivo abbattimento dell’inquinamento luminoso. La posizione e il numero di punti luce resta invariato: le sorgenti luminose sono 15, distribuite attorno alla Basilica e direzionate esclusivamente verso l’edificio, per non disperdere la luce. I nuovi fari a LED hanno una temperatura colore di 3.000 °K, con ridotta componente blu, e garantiscono un illuminamento minore di 15 lux medi per ogni parete. La combinazione di questi elementi ha come risultato una visibilità ottimale della Basilica e la piena conformità con la LR 17/09 sull’inquinamento luminoso, confermata anche dalle apposite misurazioni specialistiche effettuate.

Luce efficiente ed ecosostenibile

Tali risultati sono stati ottenuti mediante l'adozione delle sorgenti luminose a più alta efficienza energetica oggi disponibile, compatibili con le esigenze di una buona resa cromatica. La tecnologia LED permette, infatti, sia una riduzione delle emissioni di CO2 sia una diminuzione di circa il 64% dei consumi rispetto ai vecchi impianti. La diminuzione delle emissioni, però, non preclude l’efficienza luminosa degli impianti, anzi, la migliora nettamente. Infatti, il LED permette un miglioramento dell’illuminazione sia in termini di uniformità che di confort visivo, incrementando la percezione dei colori. Queste caratteristiche contribuiranno a valorizzare al meglio i dettagli architettonici della Basilica del Santo, garantendo il corretto livello d’illuminamento. Il corretto orientamento dei proiettori, assieme ai flussi luminosi ridotti e all’utilizzo di mascherine metalliche posizionate nella parte superiore dei fari, consentono di minimizzare l’inquinamento luminoso, e costituiscono un esempio da imitare in moltissime installazioni ancora non ottimizzate.

Durata elevata

Infine, un ulteriore vantaggio dei LED riguarda la loro durata elevata, con riduzione al minimo degli interventi di manutenzione, oltre ad essere facilmente smaltibili, in quanto non contengono mercurio o altri elementi chimici inquinanti, e sono completamente smontabili e riciclabili: tutto ciò migliora sensibilmente l’eco-bilancio complessivo dell’intervento.

Prima-3Dopo-3

(Nelle foto Videoe20 la Basilica del Santo prima e dopo il rinnovo dell'illuminazione)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Centrato in pieno da un'auto mentre attraversa a piedi l'autostrada: morte sulla A4

  • Prende a calci un bancomat, palpeggia una donna, si masturba dal panettiere: denunciato

  • Tragedia in autostrada, donna muore nell'auto stritolata da due camion

  • "Situazione meteo in peggioramento, allerta arancione per Bacchiglione e Brenta”: l’aggiornamento

  • Tenta il suicidio con i gas di scarico dell'auto, salvato da un passante

  • Fuoco ed esplosione in un'autorimessa: un quarantenne gravemente ferito, tangenziali bloccate

Torna su
PadovaOggi è in caricamento