Ulss 6 Euganea, nuovo direttore amministrativo: è la dottoressa Michela Barbiero

La dottoressa Barbiero proviene da analogo incarico finora ricoperto in Azienda Zero e prende il posto di Paola Bardasi, nominata commissario dell'Azienda ospedaliera - Università di Ferrara

La dottoressa Michela Barbiero

L'Ulss 6 Euganea ha un nuovo direttore amministrativo: si tratta della dottoressa Michela Barbiero, 54 anni, proveniente da analogo incarico finora ricoperto in Azienda Zero.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Michela Barbiero

La dottoressa Barbiero, laureata in Scienze politiche a indirizzo economico all'Università di Padova, ha poi seguito un corso di perfezionamento di alta specializzazione in Management amministrativo ed è in possesso di master in Internal Auditing e di attestati di Valutatore di sistemi di gestione della qualità e per l'accreditamento delle strutture sanitarie. Ha all'attivo una lunga carriera tra Padova, Este ed Arzignano e prende il posto di Paola Bardasi, nominata commissario dell'Azienda ospedaliera - Università di Ferrara, dove sarà impegnata a lavorare per l'unificazione con la locale Ulss. L'insediamento del nuovo direttore amministrativo è avvenuto lunedì 6 luglio. Commenta Domenico Scibetta, direttore generale dell'Ulss 6 Euganea: «Questa nomina è il riconoscimento di una carriera molto lunga e articolata contraddistinta da professionalità e competenza gestionale, una carriera consolidatasi in Azienda Zero dove, nell'ultimo biennio, la dottoressa Barbiero è stata direttore amministrativo. Le do quindi con piacere il benvenuto così come saluto e ringrazio la dottoressa Bardasi: la competenza qui da noi maturata in termini di sinergie, razionalizzazione delle risorse e ottimizzazione dei risultati in attuazione della Legge 19 la pone nelle migliori condizioni per replicare il modello veneto in territorio emiliano, dove è chiamata anche in quel contesto a lavorare di integrazione».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: primo caso di alunno positivo nel Padovano, classe e docenti in isolamento

  • Voto, ecco i dati di affluenza a mezzogiorno

  • Crisanti smentisce Zaia: «Il modello Veneto è merito dell'Università di Padova»

  • L’amore trionfa: sistemato a tempo di record il murale di Kenny Random imbrattato nella notte

  • Kenny Random, imbrattato il murale più fotografato di Padova

  • Live - Subito una classe isolata, tamponi a tappeto e didattica a distanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento