Attualità

Operazione Gdf, Zaia: «Fatta pulizia in un ambito nel quale si assommano illegalità e incivilità»

«Il lavoro nero, oltre che un reato, è una piaga ancora troppo diffusa, che da un lato sfrutta le persone e dall’altro arreca danno agli imprenditori onesti che mettono in regola i loro dipendenti e alla società in generale, soprattutto in un momento come questo, in cui la presenza di persone irregolari può essere anche un problema per la diffusione del Covid»

Luca Zaia

«Brava la Guardia di Finanza di Este che, con questa operazione, ha fatto pulizia in un ambito nel quale si assommano illegalità e incivilità»: così il Presidente della Regione del Veneto rivolge i suoi complimenti alle Fiamme Gialle estensi, le cui indagini hanno portato alla scoperta di 66 lavoratori in nero, 4 dei quali percepivano anche indebitamente il reddito di cittadinanza.

Il commento

Aggiunge il Governatore: «Il lavoro nero, oltre che un reato, è una piaga ancora troppo diffusa, che da un lato sfrutta le persone e dall’altro arreca danno agli imprenditori onesti che mettono in regola i loro dipendenti e alla società in generale, soprattutto in un momento come questo, in cui la presenza di persone irregolari può essere anche un problema per la diffusione del Covid. Non parliamo poi della truffa del reddito di cittadinanza non dovuto: sono soldi pubblici, e chi se ne appropria illegalmente, di fatto li ruba dalle tasche della gente onesta».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operazione Gdf, Zaia: «Fatta pulizia in un ambito nel quale si assommano illegalità e incivilità»

PadovaOggi è in caricamento