Attualità

Giornata di formazione “Parole per la legalità”: il 23 aprile consulta provinciale degli Studenti di Padova

L’appuntamento è per venerdì prossimo con “Parole per la legalità” , dalle 8.50 alle 12, naturalmente in modalità online e in diretta streaming

Un’educazione civica che esce dai libri e atterra nella vita quotidiana, vicino a casa. La firma è della Consulta Provinciale degli Studenti di Padova, organo rappresentativo degli studenti degli Istituti superiori statali e paritari della città. L’appuntamento è per venerdì 23 aprile prossimo con “Parole per la legalità” , dalle 8.50 alle 12.00, naturalmente in modalità online e in diretta streaming, anche se l’evento avrà luogo e verrà registrato presso l’Istituto Valle di Padova. Questo il link della diretta.

La giornata

La giornata di formazione è rivolta agli studenti delle classi III della secondaria di I grado e agli studenti delle scuole secondarie di II grado ma anche a tutti i docenti. Tema cardine sarà proprio la legalità, declinata in più modi. La mattinata inizierà con i Saluti Istituzionali del Direttore Generale dell’USR Veneto dr.ssa Carmela Palumbo e del Dirigente dell’UST di Padova dott. Roberto Natale, naturalmente se liberi da emergenze dell’ultimo momento e partirà subito con il primo tema ossia il dietro le quinte delle miniere dove nascono i nostri smartphone. Relatore Claudio Piron della Cooperativa Sociale Gea che racconterà come la Repubblica Democratica del Congo possieda circa l’80 percento del minerale con il quale si costruiscono i condensatori per i circuiti dei cellulari, pc, componenti elettroniche delle nostre auto ossia il coltan . Il coltan serve ad ottimizzare il consumo di energia nei chip di nuova generazione,portando un notevole risparmio energetico e a ottimizzare, quindi, la durata della batteria.

Le guerre a bassa intensità

Le guerre, anche a bassa intensità, che si combattono nella regione del Kivu, servono alle varie milizie presenti sul territorio proprio per impadronirsi dei giacimenti e quindi poter esercitare il monopolio dell’estrazione. Di qui l’obiettivo di far conoscere una realtà che ci riguarda molto da vicino per promuovere il senso civico, come previsto dalla materia Educazione Civic, nei “nativi digitali” i primi a doversi porre una serie di domande sullo stare nel mondo. Alle 10 spazio alle ecomafie del Veneto, alla criminalità organizzata e alla corruzione anche nella nostra regione. Relatore Alessandro Naccarato docente di lettere di scuola secondari di II grado, già membro della commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie e sulle associazioni criminali. Alle 11 le mafie arrivano sul palco con tre brevi pezzi di teatro recitati in diretta da due attori, Anna Tringali e Giacomo Rossetto, attori e fondatori di Teatro Bresci. I brani sono stati scelti da tre spettacoli: "Malabrenta", sulla Mafia del Brenta e Felice Maniero. Da "Borsellino" che racconta la storia del grande giudice antimafia. Da "'Ndrangheta" sulla più potente ed estesa organizzazione criminale del mondo. Le parti drammatizzate verranno precedute da un'introduzione che permetterà di contestualizzare i brani scelti.

Il teatro

Teatro Bresci è una compagnia teatrale veneta proveniente dal Teatro Stabile del Veneto e dal Piccolo Teatro di Milano. Ogni singola sessione, della durata di 50 minuti, avrà uno spazio di 10/15 minuti per le domande inviate dal pubblico. Per partecipare è richiesta l’iscrizione alle tre sessioni , anche se è possibile assistere a solo una o due sessioni attraverso il modulo Google Link , entro il 18 aprile. Alla giornata potrà partecipare la singola classe con iscrizione compilata da un docente della classe ma anche il singolo studente che vorrà partecipare compilando il modulo google. Il tutto senza limiti di iscrizione da parte di ogni istituto scolastico. Alla fine della giornata verrà rilasciato un attestato di partecipazione sia per la classe sia per il singolo studente in merito agli argomenti seguiti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giornata di formazione “Parole per la legalità”: il 23 aprile consulta provinciale degli Studenti di Padova

PadovaOggi è in caricamento