La mobilità sostenibile nell'era digitale: a Padova è PAsocial Day del Veneto

Martedì mattina la sala Paladin del municipio ha ospitato l'evento, svoltosi in contemporanea in diciotto città italiane e dedicato ai temi della nuova comunicazione

Un momento dell'incontro

PAsocial Day del Veneto è stato organizzato dall’associazione nazionale della Nuova Comunicazione Pubblica #PAsocial in partnership con l'assessorato alla Mobilità e il supporto locale del DigitalMeet (Fondazione Comunica) e del master interregionale Pisia dell’Università di Padova.

L'evento

Un evento che si è svolto in 18 città italiane unico nel suo genere sui temi della nuova comunicazione. Un momento per ripensare la mobilità in un’ottica ancor più sostenibile, che sappia interagire con più opzioni e modalità, grazie a soluzioni digitali e alle potenzialità della nuova comunicazione pubblica, per favorire pratiche e una cultura della sostenibilità e dell’innovazione.

Pubblica amministrazione e comunicazione

L’evento è stato introdotto da Francesco Di Costanzo, presidente di PAsocial, in diretta straming dal PA Social Day di Roma. «C’è sempre più voglia da parte dei cittadini e delle strutture pubbliche di nuova comunicazione. Ogni anno assistiamo a una crescita nel numero e nella qualità di buone pratiche: l’Italia è un modello per enti e aziende pubbliche che utilizzano web, social network, chat, intelligenza artificiale per la comunicazione, l’informazione e i servizi al cittadino. Scambio di buone pratiche significa far crescere una comunità con voglia di innovare». A Padova è intervenuto anche il vice sindaco Lorenzioni: «Oggi abbiamo degli strumenti evoluti rispetto a qualche anno fa, e attraverso la loro adozione passa la capacità di disporre di informazioni in tempo reale per gestire la mobilità. La pubblica amministrazione si deve concentrare per servizi nuovi. La qualità del muoversi in città può fare dei passi avanti» ha spiegato.

Il sondaggio

Moderatrice dell’evento Francesca Anzalone, esperta di comunicazione digitale e membro del comitato scientifico dell’Osservatorio nazionale sulla comunicazione digitale in rappresentanza del Veneto, che ha anticipato alcuni dati che verranno distribuiti a settembre. Si tratta di un’indagine di opinione pubblica condotta dall’Istituto Pepoli sull’opinione degli italiani rispetto all’uso dei social network e chat nella distribuzione delle informazioni da parte della pubblica amministrazione, del linguaggio da utilizzare e del tipo di dialogo da instaurare. «Otto italiani su dieci ritengono utile che la pubblica amministrazione dia informazioni e servizi tramite i social (78% lo definisce utile)» afferma Anzalone «Un altro aspetto importante che emerge è che i social non sono più “mezzi da giovani”, il 72% degli over 54 intervistati li definisce utili. Inoltre non ci si aspetta un linguaggio istituzionale, ma per il 59% un linguaggio semplice e colloquiale, anche con utilizzo di immagini e video”.E il 32% degli intervistati opta per un dialogo costante e aperto con la pubblica amministrazione sui social network tranne in caso di hating».

Gli esempi

«La mobilità intelligente è l’espressione dell’implementazione della vision» ha detto Mirko Palmieri responsabile Pasocial Day in Veneto «che pone fra i sui principi cardine il Vivere il territorio in chiave sostenibile ed integrata. Una visione che non può scindersi dalle modalità di comunicazione social e digitali per far conoscere e/o per l’utilizzo di servizi innovativi e sostenibili». Andrea Ragona, presidente Busitalia Veneto, ha presentato “Night Bus”, l'applicazione per prenotare la corsa a chiamata. Agnese Fedeli, città metropolitana di Firenze, ha parlato di infomobilità e cantieristica in città attraverso l'esperienza di “Muoversi in Toscana” e di “Florence Tv”, un servizio di mobilità regionale che permette un monitoraggio costante dei notiziari attraverso il live twitting con la sintesi del traffico e breaking news. Riccardo Bentsik, amministratore Aps Holding, ha invece presentato i servizi digitali per parcheggiare e muoversi in città. Stefania Falcone, responsabile comunicazione di Brescia Mobilità, ha affrontato il “social customer care”, frontiera della nuova comunicazione per la gestione dei servizi di mobilità e a misura di cittadino. Nella seconda parte Gianni Potti, presidente Fondazione Comunica, ha sottolineato l’importanza di una digitalizzazione, una alfabetizzazione verso un’inclusione sociale in grado di creare mercato. Andrea Greggio, seo La Semaforica, ha presentato i sistemi per la gestione e ottimizzazione del traffico (Traffic Management System) e l'interazione personalizzata per esigenze specifiche dal ciclista all'emergenza fino al progetto etico legato ad una città a misura di non vedente, mentre Gianluca Pin di AD Bici in città il sistema di bike sharing in città a misura di esigenza del cittadino e del luogo in cui viene inserito. Davide Lazzari, business development Mobike, ha annunciato in anteprima i dati su Padova relativi al “free floating a portata di smartphone”.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Padova usa la nostra Partner App gratuita !

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Festa del Salone, incontri, fiere, mercatini e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • Trova un rotolo di banconote per terra e lo consegna alla polizia locale: succede nell'Alta

  • Violento schianto contro un platano: conducente estratto dalle lamiere e trasportato in ospedale

  • Giallo ai piedi della Specola, due cadaveri in casa: sono due fratelli

  • Blocco del traffico, come funziona: il vademecum con tutte le informazioni utili

  • Giro d'Italia: la tappa del 22 maggio 2020 avrà l'arrivo a Monselice

Torna su
PadovaOggi è in caricamento