rotate-mobile
Mercoledì, 29 Giugno 2022
Attualità

Pasqua di "resurrezione" per il turismo a Padova: si riempiono le camere degli alberghi

Il sondaggio compiuto dalla segreteria di Padova Hotels Federalberghi Ascom conferma per la gran parte degli hotel un buon trend di occupazione delle camere a Pasqua

A Pasqua saranno circa 14 milioni gli italiani in viaggio, che spenderanno in media 504 euro (comprensivi di trasporto, alloggio, cibo e divertimenti) per un giro d’affari di 7,06 milioni: questi i dati emersi da una ricerca condotta dall’Istituto ACS Marketing solutions per Federalberghi.

Ricerca

La stessa ricerca afferma che l’89,5% degli intervistati ha deciso di rimanere in Italia. Tra le mete più gettonate troviamo il mare (28,9%), le località d’arte (28,7%), la montagna (16,4%), i laghi (4,6%) e le località termali (2,2%). Per quanto riguarda chi ha scelto di partire per l’estero troviamo in pole position le grandi capitali europee (57,8%), seguite dalle località marine (13,3%), dalle grandi capitali extraeuropee (11,1%) e dai viaggi in crociera (10%).
Fin qui il dato nazionale. Ma a Padova e provincia?

Padova

«A dispetto di tutto quello che è successo e sta succedendo nel mondo - commenta Monica Soranzo, presidente di Padova Hotels Federalberghi Ascom - gli italiani confermano la predilezione per le festività pasquali come anticipo dell’estate e Padova, intesa come città, terme e provincia, si conferma come buon attrattore». Il sondaggio compiuto dalla segreteria di Padova Hotels Federalberghi Ascom conferma per la gran parte degli hotel un buon trend di occupazione delle camere a Pasqua. A tal proposito riferiscono gli albergatori: «Una differenza rispetto al pre pandemia la riscontriamo, nel senso che c’è una certa “volatilità” nelle prenotazioni: qualcuno che ha prenotato poi magari disdice, ma la stanza viene subito rioccupata dalla prenotazione di un nuovo cliente».
Il motivo sembra riconducibile al fatto che il Covid è ancora presente e chi si infetta, nel dubbio di non risultare negativo in tempo utile, preferisce disdire. Però, come si è detto, c’è subito qualcuno pronto a rimpiazzare. «Ovviamente non cantiamo vittoria - continua Soranzo - ma una cosa è certa: per noi la Pasqua del 2022 rappresenta un test importantissimo non solo in previsione della stagione estiva, ma soprattutto per capire se stiamo andando nella direzione giusta per far ripartire un comparto che si conferma strategico per l’economia di tutto il Paese e anche per l’economia padovana».

Ascom

Aggiunge in merito Patrizio Bertin, presidente Ascom Confcommercio Padova: «Un’economia corroborata, nel frattempo, da Urbs Picta e dal nuovo Centro Congressi, due nuovi “poli” di attrazione sui quali contiamo molto già dai prossimi mesi. Se poi, come sottolinea l’indagine di ACS Marketing, il 25% degli intervistati ha scelto le strutture alberghiere come alloggio per la propria vacanza, secondo la presidente di Padova Hotels Federalberghi Ascom significa che “le nostre strutture sono percepite come luoghi sicuri. Questo non implica che l’abbattimento delle restrizioni corrisponda ad un “liberi tutti”, anzi riteniamo che sia essenziale procedere con prudenza, dando la possibilità ai nostri ospiti di sentirsi protetti dai nostri protocolli».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pasqua di "resurrezione" per il turismo a Padova: si riempiono le camere degli alberghi

PadovaOggi è in caricamento