rotate-mobile
Attualità

Pennacchi sta con la preside Savino: «Vengo da voi gratis a fare teatro»

L'attore s'inserisce nella polemica nata dopo le violenze di Firenze e l'intervento del ministro Valditara che ha attaccato la dirigente scolastiche. Ad appoggiarlo anche il sindaco di Milano, Beppe Sala. Partita la mobilitazione anche nelle scuole padovane

Andrea Pennacchi sta con la professoressa Savino. «Vengo a fare un laboratorio di teatro gratis da voi» ha twittato l'attore padovano, ormai noto per le sue performance da Pojana, oltre ai grandi ruoli che sta ottenendo anche nel cinema e in tv. Sotto il suo messaggio apparso sui social, anche il commento del sindaco di Milano Beppe Sala: «Vengo con te e ti reggo il microfono». Pennacchi si è inserito così nella polemica a distanza (che però è molto di più, considerato l'episodio e la valenza storico-sociale delle parole successive) tra il ministro dell’Istruzione Giuseppe Valditara e la preside del liceo scientifico Da Vinci di Firenze, Annalisa Savino.

La querelle

Quest'ultima, dopo il grave episodio avvenuto davanti alla scuola che dirige, con un pestaggio di evidente stampo fascista (come confermato dagli inquirenti) avvenuto ai danni di alcuni studenti che stavano manifestando pacificamente, aveva scritto una lettera pubblica rivolta principalmente ai suoi alunni. Lettera dai contenuti forti, che hanno richiamato alla nascita del fascismo e al pericolo ancora attuale della violenza squadrista nel nostro paese, riferendosi velatamente anche a chi attualmente lo governa e in qualche modo starebbe contribuendo. Lettera che non è piaciuta affatto al ministro Valditara, che così come il resto della squadra di Giorgia Meloni, era rimasto invece in silenzio e non aveva commentato l'episodio violento. Valditara ha scelto di andare invece a muso duro contro la dirigente scolastica, annunciando addirittura provvedimenti. Pennacchi ha scelto da che parte stare.