rotate-mobile
Giovedì, 2 Febbraio 2023
Attualità

Iov, ultimo giorno di lavoro per Vittorina Zagonel: la luminare dell'oncologia va in pensione

Prossima a compiere settant’anni, la dottoressa va in quiescenza, dopo aver dedicato gli ultimi tredici anni della sua vita professionale allo IOV, e continuando a “volergli bene” avendo donato 48 giorni alla Banca delle ferie solidali

Ultimo giorno di lavoro domani, sabato 14 gennaio, per la dottoressa Vittorina Zagonel, direttore dell’Unità operativa complessa di Oncologia Medica 1 nonché direttore del Dipartimento di Oncologia Clinica e Sperimentale dell’Istituto Oncologico Veneto.

Vittorina Zagonel

Prossima a compiere settant’anni, la dottoressa va in quiescenza, dopo aver dedicato gli ultimi tredici anni della sua vita professionale allo IOV, e continuando a “volergli bene” avendo donato 48 giorni alla Banca delle ferie solidali (l’istituto che consente di cedere le proprie ferie in eccedenza a dipendenti che necessitano di accudire figli minori malati). Laureatasi in Medicina e Chirurgia all’Università di Padova nel 1978, quindi specializzatasi in Oncologia e in Ematologia generale, la dottoressa Zagonel ha iniziato la sua carriera quarantadue anni fa a Pordenone, per poi spostarsi a Udine, Aviano, quindi diventare direttore dell'Oncologia del Fatebenefratelli di Roma dove si è occupata anche del coordinamento scientifico, clinico, formativo ed organizzativo della attività inerenti la gestione dei malati oncologici che accedevano all’ospedale. Dal 2009 il trasferimento all’Istituto Oncologico Veneto, alla cui crescita la dottoressa ha contribuito in maniera fattiva, operosa e instancabile. Afferma la stessa dottoressa Zagonel: «Vado via molto serena, sono contenta di quello che ho fatto e di quello che lascio. Ringrazio tutti, veramente tutti, della collaborazione di questi anni, anche per certi miei atteggiamenti esigenti, che sono stati capiti. Ringrazio chi mi ha dato fiducia: abbiamo fatto crescere insieme lo IOV. Non avendo figli, i miei “figli” sono stati i medici, i collaboratori, le persone con cui ho lavorato, e forse anche per questo l’Istituto è stato molto presente nella mia vita. Insomma, per me è stato casa».

Iov

Questo il ringraziamento di Patrizia Benini, direttore generale dello Iov: «La dottoressa Zagonel conclude la sua carriera all’interno dell’Istituto al quale ha dato moltissimo, facendo crescere un’équipe coesa, con professionisti di altissimo livello. Ha fatto tanto per lo sviluppo dell’intero Istituto, per i pazienti, ha fatto moltissimo per la ricerca, costruendo la strada per il futuro di nuove collaborazioni. Non posso che ringraziarla perché è stato un grande esempio di dedizione e di collaborazione per il bene dello IOV che, dati alla mano, sta facendo un ottimo lavoro. Grazie anche per il dono di 48 giorni di ferie, che così fanno entrare la dottoressa nella grande e diversificata squadra di donatori che in diversi modi sostengono lo IOV». In attesa dell'espletamento di apposito concorso pubblico, direttore ad interim dell'UOC di Oncologia Medica 1 sarà la dottoressa Antonella Brunello, oncologa che nel corso della sua carriera si è impegnata nel trattamento e nella ricerca clinica dei tumori solidi, con particolare interesse per il sarcoma, il carcinoma mammario e il cancro nell’anziano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Iov, ultimo giorno di lavoro per Vittorina Zagonel: la luminare dell'oncologia va in pensione

PadovaOggi è in caricamento