Giovedì, 23 Settembre 2021
Attualità Albignasego

Albignasego: i progetti e le iniziative del comune a favore dei giovani

Continua l’attività ricreativa in favore degli adolescenti costretti in casa: per loro attività on line in questo momento storico pesantemente condizionato dalla pandemia

Proseguono ad Albignasego l’attività ricreativa e di ricerca di lavoro dedicate agli adolescenti, anche se in modalità on line. Il centro ragazzi After Hour e lo Sportello Informagiovani continuano con questa nuova modalità ad aiutare e ad aggregare gli adolescenti, forse tra i più penalizzati dalle restrizioni legate alla pandemia, in quanto costretti a seguire le lezioni da casa e privati delle attività ricreative e sportive.

Oltre 200 iscritti

Il centro aggregazione ragazzi After Hour incontra gli adolescenti dagli 11 ai 15 anni sulla piattaforma web Zoom, ogni lunedì e venerdì dalle 16 alle 18, con giochi e attività da fare insieme. Per partecipare basta inviare una mail ad ahalbignasego@gmail.com: si riceverà quindi il link attraverso cui connettersi. «Sono attività divertenti e che garantiscono un minimo di socialità agli adolescenti costretti in casa, isolati da mesi» spiega l’assessore alle Politiche giovanili, Roberta Basana. «A dicembre, ad esempio, i ragazzi hanno potuto partecipare in streaming a un dialogo con un motion designer sui temi dell'animazione grafica e dell’illustrazione, oppure hanno incontrato, sempre on line, un’esperta del Gruppo giardino storico università di Padova sul giardinaggio, e hanno visto un’intervista allo street artist Tony Gallo, un naturale seguito al percorso di scoperta a Padova, lo scorsa ottobre, dei murales realizzati da Kenny Random». Gli iscritti sono 220 e la spesa a bilancio 23.274 euro.

Strategie di ricerca

All’Informagiovani si trovano invece indicazioni sulle più efficaci strategie di ricerca di un lavoro e sulle opportunità all'estero rivolte ai giovani, oltre a informazioni su formazione, istruzione, tempo libero e attività nel sociale. Lo sportello è aperto il martedì dalle 15.30 alle 18.30 e il venerdì dalle 9.30 alle 12.30, mentre l’Informalavoro su appuntamento il martedì dalle 12 alle 13. Nel periodo di lockdown lo sportello ha continuato la sua attività utilizzando la modalità da remoto: per proseguire con il suo funzionamento anche per il 2021 l’amministrazione comunale ha messo a bilancio 17.498 euro. Pur in periodo di Covid l’amministrazione comunale di Albignasego non è voluta mancare all’ormai tradizionale appuntamento con la consegna delle borse di studio agli studenti meritevoli: borse da 100 euro agli studenti con una media alta di voti che frequentano le superiori e 400 per gli universitari.

I ragazzi premiati

«Un bel momento che ci accompagna da molti anni nei giorni che precedono il Natale», illustra il sindaco Filippo Giacinti. «Lo scorso dicembre la cerimonia si è svolta a distanza, ma è stato comunque emozionante fare le congratulazioni a questi ragazzi che hanno ottenuto, negli studi, dei risultati straordinari». Dieci i ragazzi premiati che frequentano le superiori, dodici gli universitari. Discorso a parte meritano le navette bus dirette ad alcuni istituti superiori padovani, che dal 2019 accompagnano gli studenti al mattino: anche per quest’anno sono state confermate e, anzi, potenziate e quando le lezioni torneranno in presenza gli studenti di Albignasego troveranno infatti una corsa in più. Una delle linee dirette arriva agli istituti scolastici superiori Cornaro e Gramsci, con servizio di sola andata e con partenza dal quartiere di Sant’Agostino. L’altra linea raggiunge invece gli istituti scolastici superiori del Polo Cave (Scalcerle, Duca degli Abruzzi e San Benedetto da Norcia), sempre con servizio di sola andata e con doppio percorso: uno parte dal quartiere di San Giacomo e l’altro, arrivando da Padova lungo via Roma, imbocca via Petrarca e si dirige verso Mandriola e Sant’Agostino, per dirigersi quindi alle scuole.

Norme anti Covid

«In vista dell’alto numero di studenti che utilizzano le navette» dichiara l’assessore al Trasporto pubblico, Maurizio Falasco «già dall’anno scorso, prima dell’introduzione delle norme anti-Covid, abbiamo richiesto e ottenuto da BusItalia una navetta doppia diretta al Polo Cave. Per l’anno in corso sarà possibile anche una navetta supplementare diretta agli istituti del polo Est, Cornaro e Gramsci, per garantire maggiore distanziamento tra i passeggeri. Era tutto pronto per la prevista ripartenza dopo le vacanze di Natale, ma le nuove disposizioni regionali hanno fatto slittare la riapertura delle scuole superiori in presenza. In ogni caso, se si renderà necessario, garantiremo questa seconda corsa e annunciamo che saranno effettuati controlli a bordo, per consentire agli studenti di viaggiare in massima serenità e sicurezza». Per fornire questo servizio il Comune spende circa 97 mila euro all’anno, più il costo della seconda navetta verso il Cornaro/Gramsci che dipenderà dai mesi di esercizio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Albignasego: i progetti e le iniziative del comune a favore dei giovani

PadovaOggi è in caricamento