rotate-mobile
Venerdì, 9 Dicembre 2022

Arriva fino a Padova la protesta delle donne iraniane

In via Altinate c'è un negozio gestito da due giovani donne iraniane che seppur lontane partecipano alle proteste nel loro Paese: «Una vera e propria rivoluzione, che vi chiediamo di sostenere facendo sentire la nostra voce». Lunedì scorso erano in trecento a manifestare sotto Palazzo Moroni

Lunedì 26 settembre erano in centinaia, per lo più giovani, sotto Palazzo Moroni, a chiedere il sostegno della comunità internazionale. Una manifestazione nata con un tam tam digitale che ha attirato tantissime persone, un modo per attirare l'attenzione della città sulle sofferenze che i famigliari di queste persone, studenti o famiglie che da anni risiedono nella città del Santo. Fanno parte di questa comunità anche Shore e Atousa, due donne iraniane originarie di Teheran che abbiamo incontrato nel loro negozio, "Agil Nuts", dove vendono frutta secca. 

Le proteste in Iran sono cominciate con l'arresto e l'uccisione di Mahsa Amini, una donna di 22 anni morta il 16 settembre in carcere a Teheran. Era stata arrestata dalla "polizia morale", la colpa quella di non aver indossato correttamente il velo. Da quel giorno le proteste si sono diffuse in tutto il Paese, sono morte almeno una cinquantina di persone, ma il numero è assolutamente approssimativo. Naturalmente sono centinaia anche le persone arrestate. Le proteste sono rivolte soprattutto contro Ali Khamenei, la Guida suprema dell’Iran, la principale figura politica e religiosa del Paese ed esponente dell’ala più intransigente e conservatrice del regime iraniano. 

«Noi vi chiediamo di aiutarci a far sentire la voce di tutte e tutti coloro che stanno protestando - raccontano - abbiamo bisogno del vostro sostegno perché è molto difficile comunicare dall'Iran. Tutte le linee sono state interrotte e internet non funziona. E' un momento difficile ma decisivo per il futuro del nostro Paese. Noi quello che chiediamo è libertà e diritti», spiegano emozionate. Una situazione quella iraniana che è in continua evoluzione e che preoccupa non poco visto quanto poco i diritti umani sono rispettati in contesti di questo tipo.  

Video popolari

Arriva fino a Padova la protesta delle donne iraniane

PadovaOggi è in caricamento