5 per mille, la Fondazione Città della Speranza Onlus raccoglie più di un milione e 700mila euro

Le scelte dei contribuenti sul 5x1000 per l’anno d’imposta 2018 premiano Fondazione Città della Speranza Onlus, che mantiene salda la prima posizione in Veneto nella categoria “volontariato”

La Torre della Ricerca della Città della Speranza

Le scelte dei contribuenti sul 5x1000 premiano Fondazione Città della Speranza Onlus che, per l’anno d’imposta 2018, mantiene salda la prima posizione in Veneto nella categoria “volontariato”. Lo attestano i dati pubblicati dall’Agenzia delle Entrate.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

5 per mille

La realtà con cuore pulsante a Padova, ha raccolto un milione e 741.055,18 euro, registrando un aumento rispetto al 2017 (1.626.406,88 euro). In crescita anche il numero di scelte, passato da 54.385 a 57.815. Commenta Stefano Galvanin, presidente della Fondazione Città della Speranza: «È un risultato molto positivo, frutto della trasparenza e della credibilità maturate in questi 25 anni da Fondazione Città della Speranza. Un risultato che ci permetterà di proseguire nella cura dei bambini con patologie oncoematologiche e di sostenere la ricerca verso tutte le malattie pediatriche. Il nostro ringraziamento va alle sempre più numerose persone che ci scelgono e ci appoggiano, e ai volontari che ogni giorno si adoperano con passione per permettere questi risultati straordinari. Credo che ancor di più oggi, davanti alla drammaticità della situazione sanitaria a cui assistiamo, tutti stiano capendo il valore della ricerca e dello stare al fianco dei più fragili. Nonostante le limitazioni dettate dall’emergenza Coronavirus, che ci hanno costretto a rinunciare a banchetti e manifestazioni, ci siamo riorganizzati per portare avanti comunque la distribuzione delle colombe e delle uova di Pasqua spedendole a casa. Il riscontro da parte della gente è stato davvero inaspettato e ne siamo grati, ma è fondamentale non abbassare la guardia verso la ricerca pediatrica anche dopo la festività».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giordani: «Mia figlia vive un momento delicato, per alcuni giorni mi asterrò da qualsiasi attività pubblica»

  • Il Giro d'Italia arriva a Monselice: strade chiuse dalle 12.30, dodici i comuni interessati

  • Grave incidente sul lavoro al centro raccolta rifiuti di via Montà: morto un operaio

  • Coronavirus, Zaia: «Ho l'impressione che questo Dpcm sia solo un "riscaldamento a bordo campo"»

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e nel Veneto

  • Coronavirus, Zaia: «La situazione di oggi è sopportabile, quella di domani non lo so»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento