“Sulle tracce dei rifiuti”: il report che mette sotto la lente la raccolta differenziata padovana

A Padova la quota di rifiuti avviati a effettivo recupero è pari al 95%, ma tanto finisce ancora nell’indifferenziato

Nei territori serviti da AcegasApsAmga in Friuli-Venezia Giulia e Veneto, il 48% dei rifiuti non viene differenziato correttamente. Ad esempio, il 56% della plastica come anche il 47% della carta vengono erroneamente conferiti nel secco dai cittadini. E ancora il 40% del vetro e il 48% dell’organico finiscono nell’indifferenziato. Infine, nel 2018 ogni cittadino nei territori serviti da AcegasApsAmga, ha prodotto in media ben 237 kg di rifiuti, senza considerare i rifiuti indifferenziati. Questi sono alcuni dei dati che emergono dal report Sulle tracce dei rifiuti, disponibile sul sito web della multiutility, unico in Italia e certificato dall’ente internazionale indipendente DNV-GL.

Il report

Il report, giunto quest’anno nel nord-est alla sua sesta edizione (la decima per il Gruppo Hera) e disponibile a questo link https://www.acegasapsamga.it/responsabilita_sociale/iniziative_sostenibilita/tracce_rifiuti_rsi/ , rendiconta la tracciabilità della filiera del riciclo: dalla raccolta differenziata alle imprese di selezione, stoccaggio e prima lavorazione, fino agli impianti di destinazione finale. Il tasso di riciclo è uno dei nuovi parametri fissati dall’Unione Europea per la promozione e lo sviluppo dell’economia circolare: l’obiettivo da raggiungere entro il 2025 è stato stabilito al 55%. Complessivamente, la multiutility nel 2018 ha raccolto 111 mila tonnellate di rifiuti differenziati (senza considerare i rifiuti indifferenziati), di cui il 95,5% è stato recuperato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il dato di Padova

Andando ad analizzare nello specifico la raccolta padovana, la multiutility ha mediamente destinato a recupero il 95% di quanto raccolto in modo differenziato (311 kg/abitante), a dimostrazione di come gli sforzi di AcegasApsAmga, Comune e cittadini per una buona differenziata, vadano effettivamente a buon fine e, dunque, ad alimentare le filiere del recupero di materia. In media, la quantità di rifiuti scartata dagli impianti nel processo di recupero (perché, ad esempio, non idonea a essere riciclata o inquinata da corpi estranei) è complessivamente di appena il 5%. Nello specifico, i materiali che riescono a essere recuperati a Padova al 100% sono il legno e il ferro. Seguono la carta con 98,5%, il verde (sfalci e ramaglie) con 97,7%, l’organico con 94,7%, metalli con 93%, vetro con 89% e la plastica con 87,2%.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Live - In serata morto un 47enne. Ripartenza, tornano i pranzi sui colli

  • Gravissimo incidente nella serata: un decesso e due persone ferite nello schianto

  • Coronavirus, Zaia: «Dal primo giugno non ci sarà più l'obbligo della mascherina all'aperto»

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Impatto violento tra la sua bici e un'auto: bambino di 9 anni elitrasportato d'urgenza in ospedale

Torna su
PadovaOggi è in caricamento