Attualità

Razzismo, la Regione Veneto lancia nuove iniziative territoriali antidiscriminazione

Laboratori e incontri formativi nelle scuole e percorsi rivolti alle donne, per creare reti territoriali al femminile che coinvolgano italiane e immigrate

Laboratori e incontri formativi nelle scuole e percorsi rivolti alle donne, per creare reti territoriali al femminile che coinvolgano italiane e immigrate: sono le due iniziative che la Giunta regionale del Veneto, su proposta dell’assessore ai flussi migratori Manuela Lanzarin, ha dato come obiettivo quest’anno all’Osservatorio regionale antidiscriminazione.

Le iniziative

Lo stanziamento regionale per dare continuità alle attività dell’Osservatorio e alla rete territoriale delle ‘antenne’ antidiscriminazione ammonta a 100mila euro. Altri 50mila euro sono previsti per ampliare le attività di mediazione linguistico culturale, in particolare nelle scuole, nei Comuni, nelle aziende sanitarie locali e nelle Questure e Prefetture del Veneto. L’Osservatorio, istituito nel 2014, sostenuto dai fondi Fami (Fondo asilo, migrazione e integrazione) e gestito da Veneto Lavoro, ha realizzato sinora 87 laboratori nelle scuole del Veneto per prevenire e contrastare razzismi e discriminazioni su base etnica o razziale, e 18 interventi specifici rivolti alle donne (laboratori da 50 ore ciascuno) per prevenire l’isolamento sociale a cui vanno spesso incontro le donne immigrate.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Razzismo, la Regione Veneto lancia nuove iniziative territoriali antidiscriminazione

PadovaOggi è in caricamento