menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Di quanto aumentarla? Lo decideranno i cittadini: arrivano i referendum condominiali sulla raccolta porta a porta

Il sindaco di Cadoneghe Marco Schiesaro, insieme all'assessore all'ambiente Elisa Bettin, e il presidente di Etra S.p.A. Andrea Levorato hanno presentato il nuovo sistema di raccolta rifiuti che sarà introdotto nel comune padovano dal primo giugno 2021

Il sindaco di Cadoneghe Marco Schiesaro, insieme all'assessore all'ambiente Elisa Bettin, e il presidente di Etra S.p.A. Andrea Levorato hanno presentato il nuovo sistema di raccolta rifiuti che sarà introdotto nel comune padovano dal primo giugno 2021.

Referendum

Il progetto prevede l'aumento del servizio di raccolta porta a porta dalle attuali 900 utenze a un minimo di 4.600, fino a un massimo di 6.000 (su un totale di circa 7.700). «Questa forbice - ha spiegato Schiesaro - è dovuta alla particolarità del nostro sistema, unico nel suo genere, che sarà modulato sulle scelte espresse dai cittadini tramite referendum condominiali. Come amministratori crediamo molto nel porta a porta: in tutti i comuni dove è stato applicato, ha abbassato i costi delle tariffe e abbattuto la quantità di rifiuti indifferenziati che vengono destinati agli inceneritori, coi conseguenti effetti negativi sull'ambiente e sulla salute delle persone. La transizione verso un sistema di raccolta rifiuti più sostenibile e rispettoso dell'ambiente deve  però tener conto delle diverse situazioni residenziali. In contesti di particolare densità, come i grandi condomini, i disagi causati dal porta a porta sono innegabili. Perciò abbiamo optato per un sistema misto: porta a porta per le unità indipendenti, mentre per i contesti residenziali ad alta densità abitativa i rifiuti saranno conferiti in 10 isole ecologiche completamente rinnovate, dotate di tecnologia all'avanguardia, accessibili solo tramite tessera magnetica, riqualificate dal punto di vista estetico e videosorvegliate h24 per prevenire gli abbandoni illegali. Per le tipologie residenziali a densità intermedia, adotteremo invece soluzioni  modulate sulle scelte degli utenti. Ciascuna famiglia riceverà a casa una lettera in cui le verrà chiesto di esprimere una preferenza per uno dei sistemi proposti: porta a porta tradizionale, isole condominiali o ecobox posizionati sul suolo pubblico. Gli utenti comunicheranno le loro preferenze all'amministratore o al referente del condominio, e ogni complesso residenziale potrà scegliere la soluzione preferita dalla maggioranza degli inquilini».

Porta a porta

Aggiunge il presidente del Consiglio di Gestione di Etra, Andrea Levorato: «L’articolazione dei sistemi proposti ai cittadini di Cadoneghe rispecchia lo sforzo che l’ente gestore della raccolta rifiuti compie, in totale accordo e armonia con l’Amministrazione Comunale. L’impegno da parte del Settore Ambiente di Etra è stato massimo, perché Etra è una società di proprietà e a disposizione dei Comuni, e anche in questo caso è riuscita ad andare incontro alle esigenze degli utenti con offerte sartoriali, ovvero su misura». Conclude l'assessore Bettin: «Tra le novità del nuovo sistema - ha aggiunto l'assessore Bettin - vi è l'introduzione, dal primo settembre, della tariffa differenziata in base alla quantità di rifiuto secco conferito: un principio di civiltà già applicato dalla maggior parte dei comuni della provincia, sul quale Cadoneghe è rimasta indietro per troppo tempo. La nuova sensibilità ambientale che si respira negli ultimi anni non può lasciarci indifferenti: i cittadini, e per primi gli amministratori pubblici, sono oggi chiamati a una maggiore responsabilità nel proteggere e preservare il pianeta, attraverso pratiche e stili di vita più rispettosi dell'ambiente. Chi inquina meno, è giusto che paghi meno. Chi inquina di più, è giusto paghi di più».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento